Vino in Cina, Esposizione internazionale apre in Guizhou

Alla sua nona edizione, l'Italia é il Paese ospite d'onore

Redazione ANSA
(ANSA-XINHUA) - GUIYANG - La nona edizione dell'Esposizione vinicola internazionale cinese è stata inaugurata ieri a Guiyang, capoluogo della provincia del Guizhou, in Cina sud-occidentale, un evento a cui l'Italia partecipa in qualità di Paese ospite d'onore. Alla fiera, che si concluderà giovedì 12 settembre, partecipano un totale di 1.038 produttori cinesi di vino e liquori, tra cui i marchi Kweichow Moutai e Wuliangye, insieme a oltre 16.000 acquirenti provenienti dalla Cina e dall'estero. L'expo ospita 3.000 stand distribuiti in otto diverse sale espositive che coprono un'area di 92.000 metri quadrati. L'edizione di quest'anno ha attirato oltre 2.000 espositori provenienti dalla Cina e da più di 40 Paesi e regioni del mondo, compresi Stati Uniti, Francia, Giappone, Russia e Italia. Tutte le sale espositive ospitano stand dedicati a prodotti vinicoli e spiriti realizzati in Cina. La fiera prevede inoltre diverse mostre dedicate alla filiera industriale del settore e alla cultura, al turismo, al digitale e alla finanza legata al comparto enologico. Gli espositori presenti comprendono anche aziende provenienti da note regioni vinicole quali il Piemonte, la città di Bordeaux, l'Ontario, la California tra le altre. L'Italia, in qualità di Paese ospite d'onore, terrà un forum dedicato ai suoi prodotti vinicoli e diversi eventi promozionali dei Grand Cru italiani. Inaugurata per la prima volta nel 2011, l'Esposizione vinicola internazionale cinese mira a promuovere gli scambi e la cooperazione dell'industria enologica mondiale ed è diventata un'importante piattaforma per il commercio e gli investimenti in tema di bevande alcoliche. (ANSA-XINHUA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA