Con i bianchi nuova stagione per il Montefalco

A dettare la strategia è il presidente del Consorzio Antonelli

Redazione ANSA

(ANSA) - Riparte dai bianchi e dalla voglia di comunicare un Sagrantino diverso la nuova stagione del Consorzio di tutela vini Montefalco (Perugia) conosciuto storicamente per i suoi "rossi". A imprimere un cambio di marcia alle politiche consorziali è Filippo Antonelli, nuovo presidente dell'organismo di tutela da alcuni mesi e titolare della "Antonelli San Marco" (azienda di 50 ettari vitati con 350mila bottiglie). "Il Sagrantino - afferma il neo presidente illustrando la nuova strategia comunicativa - è cambiato dopo il boom dell'anni '90 con il conseguimento della Docg. Passato il periodo - chiarisce Antonelli- il periodo di essere considerati un po' i portabandiera dei vini autoctoni con una produzione di un vino "muscoloso", il Montefalco ora è un prodotto più bevibile e nella denominazione vanno segnalati i bianchi fermi Trebbiano Spoletino e il Grechetto che ci ricordano di essere anche "bianchisti". Intanto la vendemmia è appena iniziata e, riferisce Antonelli, ''si prevede buona''.

Oggi la denominazione vanta 750 ettari di Montefalco Docg e 450 di Montefalco Doc per un totale di circa di 65 aziende e un areale che comprende Bevagna, Gualdo Cattaneo, Castel Ritaldi e Giano dell'Umbria. Si segnala inoltre che dal 2000 ad oggi la produzione del Sagrantino è quasi triplicata: da 660 mila a circa 1.5 milioni di bottiglie. In particolare nel 2017 all'interno della Doc Montefalco la produzione dei vini bianchi rappresenta circa il 12% della Doc con il Montefalco Grechetto Doc che è pari al 9%, mentre, il Montefalco Bianco Doc rappresenta il 2,5%. Nel 2017 la Doc Montefalco dei vini rossi rappresenta invece l'88% dell'intera produzione. Infine il Montefalco Rosso Riserva Doc è pari al 31% del totale della denominazione Montefalco Doc.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: