'f' il Merlot di Gualdo del Re in bottiglia di Murano

Solo 2000 bottiglie in opera d'arte dei soffiatori di vetro

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO - Due eccellenze italiane, unite in un progetto che sposa la nobile enologia toscana con la millenaria tradizione della soffiatura del vetro veneziana.

"f" è la sintesi di un'idea che nasce dal desiderio di creare qualcosa di unico: un vino speciale, il pluripremiato Merlot di "Gualdo del Re", in una bottiglia pensata e realizzata appositamente dalla celebre vetreria Carlo Moretti di Murano. Solo 2.000 bottiglie prenotabili esclusivamente on line sul sito www.progettof.it al prezzo di mille euro. La priorità della prenotazione darà la facoltà di scegliere il proprio numero preferito che verrà inciso a mano, operazione che sarà visibile in diretta streaming dal caveau che ospita e protegge le preziose bottiglie.

Nico Rossi e "Gualdo del Re" sono sinonimo di Merlot.

L'area di Suvereto, che si trova nel centro della Maremma, dove la costa tirrenica guarda all'Isola d'Elba, offre le condizioni ideali per far prosperare la vite. La qualità del terroir e le condizioni climatiche, caratterizzate dall'influenza dei venti marittimi, consentono di ottenere i migliori risultati e la riduzione della resa ha elevato la qualità delle uve. Nico Rossi ha messo a frutto l'eredità di conoscenza del nonno a Gualdo del Re coadiuvato dalla enologa Barbara Tamburini, la "regina del Merlot". Sua la firma su ben 7 vini giunti sul podio nell'arco di 5 anni al prestigioso concorso enologico Mondo Merlot, un traguardo mai riuscito in precedenza ad altri. Per Gualdo del Re, con cui collabora da vent'anni, la sua creatività le ha consentito di creare un prodotto eccellente ottenuto dalle uve di prima classe dell'annata 2015.

In "f" il prezioso contenuto ha trovato una forma congeniale. La bottiglia che custodisce il vino è un'opera d'arte in cui i "soffiatori del vetro" hanno reinterpretato, nobilitandolo, il classico fiasco toscano. Uno dei segreti meglio custoditi dell'arte del vetro veneziana è la combinazione del vetro liquido in diversi colori e strutture in una sola soffiatura: aiutati solamente da stampi intagliati a mano, si soffiano originali praticamente identici in tre colori. La suggestione delle forme non è però disgiunta dalla resistenza del vetro, chiamato a sostenere la pressione necessaria all'applicazione del tappo, appositamente prodotto in Portogallo, che conserva la bottiglia ermeticamente chiusa. Ogni tappo è coperto da Polizza Assicurativa la quale prevede il risarcimento di ogni singola bottiglia difettosa previa analisi del tappo in questione.

La bottiglia è protetta da uno scrigno prezioso, un unico blocco di legno di frassino lavorato a mano, per reinterpretare lo stampo con cui i maestri vetrai di Murano l'hanno creata. Invece di un'etichetta, per valorizzare il particolare connubio, è stata scelta un'incisione su vetro e la bellezza della bottiglia sarà visibile solo quando "f" avrà assolto il proprio compito: quello di evocare un sogno, esprimere un'emozione, far riassaporare con la mente un ricordo unico. La speciale presentazione che Nico Rossi sta portando in giro per il mondo ha già dimostrato un grande interesse da parte dei collezionisti. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA