Dazi: Consorzio Pecorino Romano, nessuno è al sicuro

Palitta, "istituzioni italiane e Ue ci tutelino da nuova ondata"

Redazione ANSA CAGLIARI
(ANSA) - CAGLIARI, 8 GEN - "Nessuno è al sicuro sulla nuova forte stretta sui dazi americani, siamo tutti potenzialmente a rischio. Noi teniamo alta la guardia e i nostri legali stanno lavorando perché il Pecorino Romano non venga coinvolto anche in questa seconda fase di imposizioni". Lo dice all'ANSA Salvatore Palitta, presidente del Consorzio per la tutela del Pecorino Romano Dop in vista della conclusione il 13 gennaio della procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio americano sulla nuova black list allargata dei prodotti europei, tra cui quelli Made in Italy.

"Le istituzioni italiane devono essere vicine ai produttori, tutelarle e proteggerle con tutti i mezzi a loro disposizione - è l'appello di Palitta - all'Ue chiediamo, nel contempo, un'azione comune per essere più forti e per non essere coinvolti in una nuova ondata di dazi Usa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA