In India 'raccoglitori di miele' a rischio, appello agli Usa

Per fermare un progetto che mira a mandarli via dalle foreste

Redazione ANSA NEW DELHI

NEW DELHI - Rappresentanti delle comunità indigene indiane dei Jenu Kuruba, noti in tutto il mondo come i "raccoglitori di miele" del Karnataka, hanno indirizzato alle autorità statunitensi la richiesta di ritirare il sostegno ad un progetto che comporterebbe il loro sfratto dalle foreste dove vivono da secoli.

I Jenu Kuruba, che convivono con le tigri nella Riserva di Nagarhole, sono preoccupati per il finanziamento, annunciato dall'agenzia statunitense Fish and Wildlife Service, in collaborazione con la sezione indiana del WCS (Wildlife Conservation Society) di un progetto del governo indiano per "facilitare il trasferimento volontario delle famiglie indigene".

Survival International India scrive, in un comunicato, che già negli anni scorsi numerosi gruppi familiari sono stati costretti a trasferirsi dall'area perché lasciati privi di alternative: l'associazione definisce i trasferimenti "sfratti forzati, illegali sia secondo la legge indiana sia secondo quella internazionale". Stephen Corry, direttore generale di Survival International ha dichiarato oggi che "per molto tempo i popoli indigeni sono stati ritenuti "usa e getta" da parte delle grandi Ong della conservazione ambientalista. Ma i tempi stanno cambiando: le Ong devono imparare a trattare le persone con rispetto". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie