La frutta nei campi è in crisi, pagata -30%

Coldiretti, combinazione cambiamenti clima e speculazione

Redazione ANSA ROMA

Nei campi in crisi è deflazione: dalle albicocche alle pesche vengono pagate pochi centesimi, circa il 30% in meno rispetto allo scorso anno. E' quanto denuncia la Coldiretti nel commentare i dati Istat sull'inflazione a giugno, nel far notare che gli agricoltori stanno facendo i conti in molte aree del Paese con una difficile produzione a causa delle condizioni climatiche, sulla quale si innescano fenomeni speculativi e importazioni dall'estero che fanno crollare le quotazioni al di sotto dei costi.

Gli agricoltori, sottolinea la Coldiretti, devono vendere tre chili di frutta per potersi permettere un caffè. Per ottimizzare la spesa, ottenere il miglior rapporto prezzi-qualità e aiutare il proprio territorio e l'occupazione, il consiglio della Coldiretti è di verificare l'origine nazionale, acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, comprare direttamente dagli agricoltori nei mercati o in fattoria. In un momento di difficoltà, conclude la Coldiretti, si tratta di un atto di solidarietà a favore degli agricoltori, ma anche di un aiuto al proprio benessere per combattere il grande caldo con il consumo di alimenti indispensabili per la salute e per mettersi in forma.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA