Nasce Irrigants Europa per agricoltura irrigua prodotti Med

Anbi rappresenta Italia, sede presso Coldiretti Ue

Redazione ANSA
BRUXELLES - L'Europa ha un nuovo interlocutore per dare una voce unica alla politica di irrigazione delle produzioni agricole mediterranee davanti alle istituzioni europee: è l'associazione 'Irrigants Europa' che riunisce le rispettive organizzazioni di Italia - con l'Associazione nazionale dei consorzi di bonifica, Anbi - Francia, Spagna e Portogallo.

L'imprimatur ufficiale è avvenuto oggi nella sede della Coldiretti a Bruxelles, che accoglierà anche la nuova antenna.

L'obiettivo: "partecipare alla governance dei processi a tutti i livelli a partire da quello europeo, anche in vista della futura riforma della Pac e delle grandi sfide legate ai cambiamenti climatici, in primis la siccità". Il presidente dell'Anbi, Francesco Vincenzi, ha spiegato che "bisogna dare voce all'agricoltura irrigua che finora non ha avuto dall'Ue l'attenzione politica, normativa e di risorse che essa meritava". Senza contare, ha aggiunto, "che di fronte alla mancanza di identità dei territori, l'acqua irrigua è in grado di caratterizzare terre, culture, tradizioni e cibo".

Tra i numerosi partecipanti istituzionali, è intervenuto l'eurodeputato Paolo De Castro, vicepresidente della commissione Agricoltura, che "ha raccolto l'appello di Irrigants Europa di portare il dibattito all'interno della Comagri, affinché si cominci a discuterne e fare sentire la loro voce". Si tratta - ha aggiunto - "di fare alleanze per contare di più e cambiare l'approccio della politica irrigua dell'Ue che ad oggi fa leva sul modello dei Paesi del Nord Europa e non sulle esigenze del Sud". Per Filippo Pozzi, coordinatore agricolo della Lega al Parlamento Ue, "nella nuova tematica sarà importante riconoscere la funzione di tutela dell'ambiente in linea con le esigenze di agricoltori e cittadini".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: