Cia, gli Agrichef portano l'agricoltura nei piatti

Cuoca in agriturismo, ''biodiversità e tradizioni nella nostra mission"

Redazione ANSA ROMA

C'è molta curiosità intorno a questo nuovo mestiere e si moltiplicano le iniziative che li vede protagonisti: nei prossimi giorni, una selezione di 11 esponenti della categoria in Italia, sono stati invitati per cucinare in occasione del compleanno di Eataly. Ma chi sono gli Agrichef? L'Agrichef è un cuoco/cuoca di comprovata abilità ed esperienza che esercita nell'agriturismo.

Può essere il titolare d'azienda, un elemento della famiglia ma anche un esterno che però si impegna a trasformare principalmente produzioni agricole aziendali, o di prossimità, nel rispetto della stagionalità e utilizza nella realizzazione delle pietanze ingredienti legati alla tutela della biodiversità. Questo per favorire, attraverso il continuo consumo di specifici prodotti, la costante coltivazione dei medesimi, preservandoli così dal rischio dell'estinzione. Un processo virtuoso, quindi, per l'agricoltura nel suo complesso, che rifugge la standardizzazione delle produzioni.

Insomma, un mestiere nuovo che si ispira ad antiche tradizioni, che può riservare soddisfazioni a chi decide di intraprendere questo lavoro. ''Si tratta - spiegano gli Agrichef della Cia - di una opportunità reale perché l'agricoltura multifunzionale apre ad un ventaglio di possibilità di occupazione. Non solo agrotecnici ed esperti in marketing, l'agricoltura cerca competenze sempre più qualificate, il mercato chiederà anche bravi Agrichef''.

La Cia-Agricoltori Italiani proprio attraverso la figura dell'Agrichef vuole raccontare l'evoluzione del settore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA