A Firenze il 'G7 degli chef', la Society che ne riunisce 50mila

A premiare Andy Hayler, l'unico critico gastronomico ad aver visitato tutti i ristoranti 3 stelle Michelin

Redazione ANSA ROMA

Dai quattro angoli del pianeta a Firenze per confrontarsi sulle ultime tendenze della cucina, del gusto a tavola e della ristorazione. Arriva per la prima volta la World Gourmet Society, la piattaforma internazionale che riunisce oltre 50mila chef, critici e appassionati di food & wine in tutto il mondo. L'occasione è la finale nazionale del Best Plate Challenge, lunedì 23 quando il presidente mondiale Matthias Tesi Baur arriverà nella città toscana per consegnare i premi ai dieci chef italiani vincitori del primo premio assoluto e dei premi di categoria.

A premiare gli chef vincitori ci sarà anche Andy Hayler, l'unico critico gastronomico al mondo ad aver visitato tutti i ristoranti 3 stelle Michelin del pianeta.

"Sono rimasto colpito - sottolinea Matthias Tesi Baur, fondatore della WGS - dal numero di chef italiani che hanno mostrato la loro creatività, abilità e dedizione nel preparare e presentare il cibo a un livello d'alta cucina. Gli chef italiani offrono un grande esempio su come il cibo può essere parte di una cultura e su come le persone sono preparare il cibo con passione e orgoglio".

Intanto a Roma Gambero Rosso presenta una nuova guida Top Italian Restaurants di Gambero Rosso, una guida digitale in inglese, che attraverso forchette, gamberi, spicchi e bottiglie, simboli oramai riconosciuti a livello internazionale, valuta e recensisce i locali italiani all'estero. La guida, con 300 schede, "nasce dall'esigenza di premiare i portavoce del Made Italy nel mondo, coloro che con il loro estro e la loro creatività trasformano e promuovono le eccellenze dei prodotti italiani. Uno strumento utile" conclude il presidente di Gambero Rosso Paolo Cuccia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie