Produttori olio, è allarme uliveti a causa della siccità

Canino (Unasco), a rischio la produzione 2017

Redazione ANSA
- NAPOLI - La prolungata assenza di piogge rischia di compromettere in maniera definitiva la campagna olivicola 2017, prolungando così con effetto tombale la crisi produttiva. E' quanto emerge a margine dell'incontro tra coltivatori, produttori, frantoiani e industria, riuniti a Telese terme per rilanciare uno dei settori che meglio connotano l'eccellenza italiana: l'olio extravergine di oliva. L'incontro, organizzato da Unasco, il consorzio nazionale dei coltivatori e produttori olivicoli che ha chiamato a raccolta il gotha dell'olio extravergine di oliva italiano sul tema "Storia dell'olivicoltura di domani. Tracciamo insieme il nostro futuro".

"In molte aree del Paese, come per esempio la Campania o la Calabria, è da ottobre che non piove. I pozzi e i corsi d'acqua sono a secco e la straordinaria fioritura degli ulivi dei mesi scorsi, che faceva presagire una campagna finalmente copiosa, vede ora gli alberi in grande sofferenza, con foglie ripiegate su sé stesse dalla sete e le olive che cadono prima di maturare - evidenzia Luigi Canino, presidente Unasco -. E bene fanno le Regioni, come la Campania, a chiedere lo stato di calamità, perché di calamità vera e propria si tratta. Peraltro, i tanti uliveti abbandonati e che noi come produttori siamo pronti a curare e a rimettere in produzione, rischiano di diventare l'ideale contesto per lo sviluppo dei tanti incendi che devastano il nostro territorio in estate".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA