Ecco nuova Guida di Repubblica a sapori,piaceri Roma e Lazio

1254 ristoranti segnalati,anche indirizzi street food,negozi bio

Redazione ANSA ROMA

 - ROMA - Quindici anni di edizioni e non sentirli, riuscendo di volta in volta a rinnovarsi dalla prima all'ultima pagina. È la Guida di Repubblica ai Sapori e ai Piaceri di Roma e del Lazio, che nell'edizione 2018 si apre a sezioni completamente inedite, percorsi il lungo e in largo per la regione, itinerari tematici tra i quartieri capitolini e tanto altro ancora, oltre a dare un volto tutto nuovo ai capitoli già esistenti.

Sono infatti 1254, di cui 377 novità, i soli ristoranti segnalati, che affiancano le sezioni dedicate a 143 pizzerie, 365 botteghe del gusto, 107 indirizzi di street food, 56 negozi biologici, 99 dimore di charme e 75 caseifici in tutto il Lazio, oltre ai Premi alle Eccellenze, a un capitolo dedicato ai principali campi da Golf e a quello su 48 Produttori di Vino. Ma sono le sezioni speciali il cuore pulsante delle 744 pagine del volume. Per la prima volta infatti la Guida elegge il Quartiere dell'anno, il Pigneto, «quartiere che forse più degli altri in questo momento sintetizza la forza della città, la dinamica propensione al cambiamento nonostante tutto», spiega il direttore delle Guide di Repubblica, Giuseppe Cerasa, nella sua introduzione al volume. E allora il Pigneto è esplorato da ogni punto di vista con 9 itinerari ad hoc, dalla passeggiata a caccia di street art al tour delle osterie, dal focus dedicato ai music club ai consigli sui migliori indirizzi dove trascorrere un dopocena tra cocktail d'autore e finger food gourmet. I Racconti d'autore invece sono dieci racconti inediti di altrettanti scrittori, da Melania Mazzucco ad Erri De Luca, da Ascanio Celestini a Marco Lodoli, chiamati a tematizzare il mare di Roma, da Fregene a Capocotta. I loro scritti sono poi stati illustrati per l'occasione da artisti come Piero Pizzi Cannella, Andrea Aquilanti e Giuseppe Gallo, dando vita a pagine che rappresentano un connubio perfetto tra arte e letteratura.

Spazio anche a testimonial d'eccezione negli Itinerari d'autore, sezione in cui otto personaggi come Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti, il cantante Fabrizio Moro e l'attore Giorgio Tirabassi svelano i propri luoghi del cuore della città, in interviste che entrano nell'intimità del rapporto tra Roma e i personaggi dello spettacolo. Gli Itinerari del Mito poi rileggono i luoghi della storia, dall'Appia Antica al Palatino, con uno sguardo inedito tra mitologia e gusto, presente e passato. Mentre i sette Cammini del Lazio conducono il lettore sui percorsi della fede, dal cammino di San Francesco a quello di San Benedetto, consigliando soste gourmet e chicche di bellezza nascoste tra i borghi più belli della regione. Nel volume inoltre, per la prima volta in una guida gastronomica, viene dato spazio agli storyteller del web, grazie alla rubrica "il tag", con i contributi di 22 tra blogger e influencer della capitale che, uno per ogni quartiere di Roma, regalano al lettore la dritta giusta secondo un punto di vista inedito, fresco e contemporaneo, figlio dei social network e delle nuove tecnologie. Ciliegina sulla torna sono infine i testi a firma dei più grandi chef della regione, da Heinz Beck a Luigi Nastri, raccontano in prima persona i propri ristoranti e l'enogastronomia del Lazio. Le schede dedicate ai più importanti ristoranti sono state infatti reinventate con un format tutto nuovo, in cui è il padrone di casa a svelare la propria cucina e il proprio rapporto con Roma e con il Lazio. Insieme a loro, le mamme e le nonne romane e laziali raccontano la preparazione di nove Piatti della memoria, passo dopo passo, dalla trippa alla romana agli spaghetti cacio e pepe.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA