Centinaio, no stop commercio la domenica in città turistiche

Nessuna polemica, proposta Lega M5S lo prevede già

Redazione ANSA BARI
(ANSA) - BARI - "La proposta che abbiamo è di non bloccare le aperture domenicali nelle città turistiche". Lo ha detto il ministro dell'Agricoltura e del Turismo, Gian Marco Centinaio, durante la sua visita alla Fiera del Levante di Bari, rispondendo alla domanda sulle dichiarazioni rese ieri, sempre a Bari, dal ministro Di Maio, il quale ha annunciato l'approvazione della legge che impone lo stop nei fine settimana e nei festivi a centri commerciali, con delle turnazioni e l'orario che non sarà più liberalizzato. "Immediatamente ho chiesto spiegazioni in merito a questa proposta - ha detto Centinaio - e non posso pensare che in una realtà turistica si blocchi tutto la domenica. Allora facciamo un ragionamento che ci sia un giorno a settimana di chiusura, che non sia necessariamente la domenica, perché altrimenti blocchiamo il turismo nel nostro Paese". Ma non c'è polemica: le proposte di Lega e M5s prevedono già l'esclusione delle città d'arte e centri turistici. "Ho semplicemente detto - precisa Centinaio - che nelle città turistiche sarebbe preferibile chiudere un altro giorno anziché la domenica come succede ad esempio per i Musei il lunedì. Evitiamo ulteriori ed eventuali polemiche create solo per accendere scontri inesistenti.

Entrambe le proposte di legge della maggioranza, presentate in commissione Attività produttive della Camera e rispettivamente una a firma Lega e l'altra M5s, prevedono già che dalle nuove norme vengano escluse le città d'arte e i centri turistici. Per le due proposte di legge, quindi, gli esercizi commerciali di queste località continueranno a restare aperti nei giorni festivi senza restrizioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: