Antitrust, in ddl home restaurant limiti non giustificati

Discrimina 'nuovi' operatori a vantaggio dei tradizionali

Redazione ANSA

ROMA - Il disegno di legge che disciplina l'attività di home restaurant "appare nel suo complesso idoneo a limitare indebitamente una modalità emergente di offerta alternativa del servizio di ristorazione e, nella misura in cui prevede obblighi che normalmente non sono posti a carico degli operatori tradizionali, risulta discriminare gli operatori di home restaurant, a favore dei primi". Lo afferma l'Autorità garante della concorrenza e del mercato esprimendo le proprie considerazioni "in merito ad alcune previsioni restrittive della concorrenza presenti nel disegno di legge As 2647", che è ora all'esame del Senato. L'Antitrust ritiene, dunque, che il ddl "introduce limitazioni all'esercizio dell'attività di home restaurant che non appaiono giustificate". E, afferma ancora, "l'operatore viene privato della libertà di definire autonomamente come e in che misura organizzare la propria attività economica". Per questo auspica che "al fine di superare i profili discriminatori e restrittivi", nel prosieguo dell'iter legislativo "i rilievi" siano tenuti "in adeguata considerazione".

Tra i punti, l'Antitrust indica che prevedendo l'utilizzo delle piattaforme digitali come unica modalità per lo svolgimento dell'attività di home restaurant, il ddl in questione esclude ogni possibilità di rapporto diretto" tra 'l'utente cuoco e l'utente fruitore' al di fuori delle stesse. "Dal lato della domanda - motiva - ciò riduce l'offerta dei servizi di ristorazione per i clienti meno avvezzi all'uso di sistemi digitali/elettronici di acquisto; dal punto di vista dell'offerta, crea una discriminazione con i ristoratori tradizionali, che, oltre a poter promuovere la propria attività e ricevere prenotazioni mediante siti internet, mantengono la possibilità di avere un contatto diretto con la clientela". Analoghe considerazioni, prosegue l'Antitrust nel parere pubblicato nell'ultimo Bollettino, valgono rispetto all'obbligo "di fatto imposto di pagare la prestazione prima di averne beneficiato" che le transazioni avvengano esclusivamente mediante le piattaforme digitali: "Tale previsione, inoltre, impedisce o rende più oneroso per il cliente di avvalersi, ad esempio, della possibilità di disdire sul posto un servizio rivelatosi inadeguato e all'operatore di farsi interamente carico del rischio del cosiddetto no show". Così come, sempre secondo l'Autorità, "del tutto ingiustificata appare la quantificazione normativa del numero massimo di coperti che possono essere allestiti e del reddito annuo che l'attività in esame può generare" (500 coperti e 5.000 euro annui). Infine, appare "ugualmente priva di motivazioni e ingiustificatamente restrittiva l'esclusione delle attività di B&B e Case vacanza in forma non imprenditoriale e della locazione dalla possibilità di ampliare l'offerta di servizi extralberghieri con quella del servizio di home restaurant".

“Com'era possibile che la mia start up fosse legale in 18 nazioni europee ma non nel mio paese?”, si chiede Gaetano Campolo, Ceo e fondatore di Home restaurant Hotel, che plaude alla sentenza dell'Antitrust e dice ''ci da' ragione su tutto''. Nelle scorse settimane Campolo aveva avviato una battaglia contro il ddl sugli homerestaurant e sulla sua nuova App, che l'imprenditore lancerà a giugno, saranno inserite suite e homerestaurant da ogni angolo d' Italia. "Abbiamo accolto con estrema soddisfazione le considerazioni sottoscritte dal presidente Giovanni Pitruzzella dell'AGCM" - dice Giambattista Scivoletto, fondatore di www.bed-and-breakfast.it e della piattaforma www.HomeRestaurant.com - e il fatto di trovarci d'accordo con con una così autorevole fonte di giudizio, ci rassicura sul buon senso della nostra protesta e ci dà forza per continuare la nostra battaglia per il corretto sviluppo dell'Home Restaurant in Italia".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA