Ostriche e vino, abbinamento possibile. Superato il tabù

La dimostrazione enogastronomica è vinta con l'ostrica Belòn

Redazione ANSA
(Verona). La sfida, per superare il tabù enogastronomico, è stata preparata in sinergia con "I love Ostrica", promotore della cultura dell'ostrica e format di shop online catering e degustazioni con protagoniste ostriche, crudités di mare e pescato di qualità. La prova di abbinamento è stata realizzata con la Belòn, ostrica piatta affinata alla foce del fiume da cui prende il nome, e la Corvina Igt in purezza de "La Collina dei Ciliegi" prodotta con un'uva legata al territorio dell'Amarone, che, vinificata senza appassimento come monovitigno, regala- spiega una nota - freschezza e bevibilità degna di estivi vini bianchi. Il risultato - spiegano gli esperti - è una esperienza unica all'assaggio grazie anche a un abbinamento che ha ripreso la vecchia usanza di servire il vino rosso ad una temperatura da bianco per un esito che ha visto il "il bouquet delicato del vino cullato dalle note salmastre dell'ostrica".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA