Al bando testi del 1800, barman 3.0 è lavoro del futuro

A Roma parte il secondo corso professionale di Accademia Chorus

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, - Dodici incontri per formare i nuovi barman 3.0, i professionisti della miscelazione in grado di star dietro al bancone di cocktail bar, hotel e locali di intrattenimento di alto intrattenimento. Riparte il 25 febbraio a Roma il corso di Mixology di Accademia Chorus, il tempio del bere miscelato diretto, all'interno dell'Auditorium Conciliazione, dal bartender Massimo D'Addezio, Best hotel bar in the World 2009.

"Da Accademia Chorus si racconta il mestiere del barman o barmaid che non consiste solo nel leggere libri e studiare ricette ma soprattutto nell'imparare a conoscere le persone, i clienti e ad acquisire la giusta professionalità per farli stare bene e renderli protagonisti dell'esperienza. Roma, che per la prima volta ospiterà la Cocktail Week, offre una scena molto vivida del bere miscelato'' sottolinea D'Addezio.

Si tratta, aggiunge, di ''un corso professionalizzante attraverso un contatto diretto con la sala e la cucina guidata dallo chef Andrea Sangiuliano. Vogliamo porre l'accento sulla figura del cliente portandolo con uno stile conviviale a capire quale cibo abbinare all'alcol. E con milioni di turisti a Roma si hanno clienti esigenti sulla scelta degli spirits sulla bottigliera e sull'accoglienza. Solo così possiamo guardare al futuro, mostrando ai ragazzi che c'è una professione ed è il barman 3.0 che sa come evitare di finire in locali fake, quelli che chiudono dopo tre mesi''.

Approccio didattico a 360 gradi dunque, con assaggi e comparazioni tra 328 bottiglie a disposizione, al bando ricettari di un secolo fa: ''I maestri del Negroni - osserva D'Addezio - si rifacevano ai testi di 100 anni fa, quando i cocktail erano caldi e si stemperava con lo zucchero. Oggi si riscopre la tecnica del throwing, il lancio da un contenitori all'altro per ossigenare il drink senza dare troppo ghiaccio. Si fa sì cassa a colpi di Spritz, zenzero e passion fruit a gogo ma bisogna saper soddisfare chi chiede bottiglie ipercostose, o sapori nuovi come la rivisitazione della Pina Colada con la tapioca, che è la Tapicolada''.

Con il secondo corso, che ha il patrocinio di Federalberghi e Fipe e la collaborazione del Gruppo Lunelli, si rinnova la partnership con Forma Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma per la formazione imprenditoriale e con la società "Openjobmetis" - con Openjobmetis SpA, la prima e unica Agenzia per il Lavoro quotata in Borsa italiana. E' in cantiere, annunciano i promotori, una prossima edizione del corso anche a Milano.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: