Un altro big della cucina a Torino,Bottura aprirà refettorio

Dopo Cannavacciuolo e Adrià sbarca ma per fini sociali patron Osteria Francescana

Redazione ANSA TORINO

TORINO - Un altro big della ristorazione sbarca a Torino: è Massimo Bottura dell'Osteria Francescana di Modena, 3 stelle Michelin e secondo ristorante al mondo nel 2017 per il prestigioso '50 Best Restaurants' dopo essere stato primo nel 2016. Avrebbe già trovato la location adatta, in un quartiere periferico già interessato a un piano di riqualificazione. L'arrivo a Torino di Bottura, considerato il maestro della cucina creativa, è stato anticipato da Alberto Sacco, assessore al Commercio della Città di Torino, alla presentazione di Gourmet Food Festival, la kermesse per la 'cultura' del cibo organizzata da Gambero Rosso e Gl Events.

L'Osteria Francescana "non sarà coinvolta in nessuna apertura di ristoranti a Torino ma bensì è la nostra associazione no profit Food for soul, fondata da Massimo Bottura, che si sta da anni adoperando per lo sviluppo di un refettorio sostenibile nella città di Torino in collaborazione con altre realtà locali impegnate nel sociale". Lo precisa, in una nota, lo staff di Osteria Francescana.

Bottura si aggiungebbe ad Cannavacciuolo che ha appena aperto il suo Bistrot in zona pre-collinare e Ferran Adrià che all'inizio del 2018 aprirà il ristorante gourmet "Condividere by Lavazza" alla 'Nuvola', il nuovo headquarter della storica azienda di caffè. Ma molti altri sono gli chef stellati a Torino, da Matteo Baronetto, alla guida del Cambio, a Davide Scabin, chef del Combal.Zero. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA