Oltre 200 chef del lusso scendono in campo contro cambiamenti clima

E in autostrada 'macchine mangiaplastica premianti'

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Che siano di fama internazionale o della ristorazione in concessione, gli chef scendono in campo per unirsi alla lotta ai cambiamenti climatici. I primi sono gli oltre 200 chef dell'Associazione Relais & Châteaux che dal 3 al 6 ottobre aderiranno a Food for Change, la campagna di sensibilizzazione sull'impatto ambientale della produzione industriale di cibo, accettando in prima persona la sfida di servire nei propri ristoranti menu climate-friendly, ovvero buoni, puliti e giusti, proponendo ai clienti menu stagionali e sostenibili elaborati in collaborazione con Slow Food, l'organizzazione internazionale no profit presente in 160 paesi che unisce al piacere del cibo l'impegno per la comunità e l'ambiente.

Ma anche sulle autostrade si pensa all'ambiente. Chef Express, società che gestisce attività di ristorazione del Gruppo Cremonini, attiva nella ristorazione in concessione (stazioni ferroviarie, aeroporti e autostrade, ristorazione a bordo treno), insieme a A35 Brebemi, il collegamento autostradale direttissimo tra Brescia e Milano, attivano un servizio ecologico promozionale presso l'Area di Servizio "Adda Nord", con l'installazione di una postazione automatica 'premiante' per la raccolta di bottiglie in plastica monouso Pet. Ad ogni conferimento la macchina rilascia automaticamente all'utente un buono sconto del 10% sui prodotti principali di consumo individuati da Chef Express e presenti presso il punto vendita dell'Area di Servizio Adda Nord.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA