Avvelenamento da funghi, nessun rischio se si interviene entro 6 ore

Centro antiveleni Milano, in 20 anni seguiti quasi 13mila casi

Redazione ANSA ROMA

ROMA - In 20 anni, dal 1998 al 2017, sono quasi 13mila i casi di sospetto avvelenamento da funghi seguiti dal Centro antiveleni (Cav) di Milano. Per 19 pazienti, a causa dei danni al fegato, è stato necessario un trapianto d'organo, mentre 40 sono morti. A presentare i dati è il Cav sulla rivista Ben dell'Istituto superiore di sanità (Iss), in cui sottolinea l'importanza di un intervento tempestivo, entro 6 ore.

Di solito il tasso di letalità per intossicazione da funghi con amatossine si aggira tra il 15 e 25%, contro il 6,3% del Cav di Milano. "Il nostro risultato - spiega il Cav nello studio - è determinato sia dal rapido arrivo in ospedale dei pazienti, sia dal corretto inquadramento e applicazione del protocollo". Se si interviene in un periodo che va dai 30 minuti a 6 ore dopo l'ingestione, non ci sono rischi. Se invece si aspetta oltre le 6 ore, il rischio di mortalità è alto. Al Cav di Milano ogni anno arrivano un migliaio di richieste di consulenza da tutta Italia, prevalentemente da medici, ma anche da privati cittadini. Complessivamente, dal 1998 al 2017, gli sono arrivate 15.864 richieste di consulenza per intossicazione da funghi, di cui 12.813 su casi clinici. Tutti avevano sintomi gastroenterici (vomito, diarrea e grave disidratazione), che richiedevano l'intervento medico o ospedaliero. Nella maggior parte dei casi (85%), i disturbi erano dovuti all'ingestione di funghi spontanei raccolti e non controllati da un micologo. In 3.265 pazienti i sintomi sono comparsi dopo più di 6 ore dall'ingestione. A 637 (19,5%) di questi è stata fatta diagnosi certa d'intossicazione da amatossine, 40 (6,3%) sono morti (l'80% di loro è arrivato alle cure tardi, oltre le 24 ore dall'ingestione), mentre 33 pazienti hanno sviluppato insufficienza renale grave e irreversibile. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA