Cibo e sport, arriva il manifesto con le regole d'oro

Non solo sacrifici, anche piaceri come concedersi un buon gelato

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Oggi i ritmi della vita e del lavoro portano spesso a trascurare la propria alimentazione e a sottovalutarne l'importanza. Un grande errore, soprattutto se a farlo è uno sportivo. Arriva così il manifesto dell'Alimentazione dello Sportivo con le regole d'oro su come mangiare quando si fa attività fisica, tenendo presente che il cibo deve essere non solo nutrimento, ma anche piacere, come ad esempio il concedersi ogni tanto un buon gelato. Il manifesto stilato dai nutrizionisti dell'Istituto del Gelato Italiano (IGI), con le corrette e sane abitudini alimentari degli sportivi, è stato presentato a Roma con due testimonial d'eccezione: la ginnasta Vanessa Ferrari e il pallanuotista Amaurys Perez.

Alla base di un corretto ed equilibrato stile di vita ci sono poche ma semplici regole, ha spiegato Michelangelo Giampietro, Medico dello sport e nutrizionista, nonché Presidente di IGI, che possono riassumersi nella parola MIRA, "ovvero Mastica, Idratati, Riposa, Aspetta". Masticare a lungo per facilitare la digestione e non essere indotti a mangiare una quantità eccessiva di alimenti. Idratarsi correttamente nel modo e nella quantità migliore. Riposarsi, perché l'organismo ne ha bisogno e non c'è nulla, né cibo, né sostanze né trucchi che possano garantire i vantaggi di un giusto e sano riposo. Aspettare, perche spiega Giampietro, "l'attesa non è perdita di tempo ma è la capacità di scegliere il momento giusto, quello in cui il corpo è pronto a fornire la sua migliore prestazione, anche atletica." Altra importante regola, suddividere i pasti in 5 momenti della giornata. Perchè uno dei fattori fondamentali che regolano le scelte alimentari di uno sportivo è la digeribilità. E infine un ultimo, ma non meno importante consiglio: la vita dello sportivo - e non solo - è spesso caratterizzata da rinunce e sacrifici. Non è il caso di penalizzare ulteriormente l'atleta, imponendo restrizioni alimentari non necessarie. Il cibo deve essere anche piacere. Un prodotto sano e gustoso da assumere dopo l'allenamento, come un buon gelato, è molto gratificante.

E' "un momento di piacere che va gustato senza interferenze", ha osservato la ginnasta Vanessa Ferrari, che "dà una sensazione di tranquillità, benessere, felicità…", ha aggiunto Perez, che si concede spesso un gelato, la sera insieme ai suoi figli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA