Apre Le Asiatique, sulla cucina orientale Roma volta pagina

Dopo Laduree e Tartufi and friends investimento Sermoneta-Calo'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tra le vie dello shopping di lusso della capitale aprirà sabato, in Largo della Fontanella di Borghese, "Le Asiatique", ristorante dedicato interamente alla cucina asiatica interpretata in chiave fusion caratterizzato da un inedito mix di arte contemporanea, artigianato, bere miscelato. Il tema della geisha come icona del vivere contemporaneo e giochi di specchi si snodano in questo ampio locale frutto di un cospicuo investimento e idea di Michelle Sermoneta e Stefano Calò, giovane coppia dell'imprenditoria del Made in Italy, che a Roma hanno realizzato due storie di successo nel settore agroalimentare: "Tartufi and friends" e "La Durée". "Questo locale è il frutto di anni di viaggi in Asia.

In ogni viaggio ci siamo avvicinati a un aspetto diverso della cultura orientale - ha detto Calò - ma soprattutto ci ha colpito il valore dell'ospitalità. In Giappone esiste una parola, Omotenashi, che significa "intrattenere gli ospiti con tutto il cuore", in modo quindi disinteressato e amorevole. Vorremmo che Le Asiatique fosse proprio questo". Il progetto, che si insedia in uno spazio di 300 mq con il colore porpora a simbolizzare Roma, è dell'architetto milanese Matteo Crippa, con pezzi d'arte realizzati dall'artista Chiara Montagner. Un dedalo di salotti, porte scorrevoli, specchi e ventagli, grafiche orientali surrealiste circonda un kimono creato con migliaia di francobolli provenienti da tutto il mondo, esposto anche al Museo di Shanghai e alla Triennale di Milano nel 2007. Il risultato è un unicum nel panorama romano: all'interno di un palazzo del '700, un labirinto di 6 stanze che si aprono come scrigni, dal carattere asiatico e romano al tempo stesso. Dopo esperienze internazionali a Londra, Monaco e Tenerife il giovane chef Daniel Cavuoto firma una carta con proposte frutto di contaminazioni tra le ricette della tradizione orientale con i prodotti della cultura mediterranea.

L'anatra, ad esempio, qui si sposa al parmigiano, l'astice in tre consistenze si accompagna all'insalata di guacamole e nocciole. Una barlady propone drink mangia e bevi come "La Perla Nera", con Vermouth dry, gin o vodka, Morgan's Shrub N.1, acqua d'ostrica e ostrica. La cucina è aperta sempre con una carta dei vini, del té, e una lista di sakè e oltre 100 distillati, tra cui whiskey eshochu, che completano un'offerta assolutamente internazionale.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA