Terremoto a Catania, il legame con l'Etna

Mille scosse in 3 giorni, la faglia di Fiandaca sorvegliata speciale

Redazione ANSA

Dall'alto dei suoi 500.000 anni, l'Etna è uno dei vulcani più attivi al mondo e sta semplicemente facendo il suo mestiere. Parola di Eugenio Privitera, direttore dell'Osservatorio di Catania dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), che da giorni sta seguendo la situazione soprattutto sulla faglia di Fiandaca, dove si è verificata la scossa di magnitudo 4,8 nella notte fra il 25 e il 26 dicembre. "Se si muove può essere pericolosa", dice Privitera. "Dal 24 dicembre mattina si sono succedute circa 1.000 scosse, molte piccole e rilevabili solo dagli strumenti, quattro uguali o superiori a magnitudo 4".

Quello della notte fra il 25 e il 26 dcembre è stato uno strano terremoto, osserva l'esperto, nel senso che "è stato periferico rispetto alle altre manifestazioni. Stiamo monitorando la situazione, ma sembra che siamo in fase di declino eruttivo e di raffreddamento delle colate, ma non è escluso che possano aprirsi bocche a quote minori come ad esempio a Piano del Vescovo, a Sud della Valle del Bove".

Il sisma di magnitudo 4.8, prosegue Provotera, è "un fenomeno isolato e non è altro che la risposta fragile del versante orientale del vulcano alla variazione di stress indotta dall'apertura della frattura eruttiva di tre metri nella faglia di Fiandaca. Questa faglia è una struttura che non si muoveva più da tempo: la situazione ora ricorda quella dell'ottobre 1984, che provocò un morto a Zafferana Etnea. Quando si muove è pericolosa e ora ha subito spostamenti per la spinta del magma che ha aperto una frattura di 3 metri".

Sull'Etna sono posizionate ben 160 stazioni di monitoraggio alle quali ne sono state aggiunte ulteriori 15 nell'area di Casa del Vescovo, oltre a telecamere termiche. Privitera rileva che "i vulcani garanzie non ne danno: siamo noi che dobbiamo convivere col vulcano, che è passato dal vulcanismo sottomarino all'attuale posizione dei crateri centrali che si sono spostati. Si pensi che 20.000 anni fa il cono è stato distrutto".

Privitera rileva inoltre che "non ci sono relazioni tra l'Etna e lo Stromboli perché i due vulcani appartengono a due contesti geodinamici diversi e hanno sistemi di alimentazioni separati. Siccome sono due vulcani molto attivi è alta la probabilità di una fase eruttiva nello stesso tempo, ma è puramente casuale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA