Un nuovo ecosistema negli abissi dell'Oceano Pacifico

Generato da correnti idrotermali, ospita specie sconosciute

Redazione ANSA

Negli abissi dell'Oceano Pacifico c'è un ecosistema finora sconosciuto e ricco di specie mai viste: è generato dalla corrente idrotermale Jaich Maa, un nome che in messicano significa 'metallo liquido',  localizzata a  a quasi 4 chilometri di profondità nel Sud del Golfo della California. L'ecosistema è  documentate dall'Istituto oceanografico americano Schmidt e la descrizione delle sue caratteristiche è in attesa di pubblicazione.



Camini vulcanici con fumanti getti di correnti calde, con una temeperatura che sfiora 290 gradi e simili a cascate capovolte, creano negli abissi condizioni ideali per la vita, sia batterica che animale. Grande la diversità delle specie: microrganismi filamentosi, vermi colorati di blu, organismi trasparenti simili a meduse, strani animali che sembrano sacchetti vuoti, tappeti di anemoni che come fiori vermigli sbocciano da strutture calcaree a forma di tubo.



"Ovunque volgessimo lo sguardo del nostro rover sottomarino, vedevano forme di vita", hanno osservato gli autori della ricerca: biologi marini, geochimici, geofisici e naturalisti americani e messicani. "Si tratta - hanno aggiunto - di un habitat sorprendente, diverso da quel che ci aspettavamo. Un ambiente estremo con caratteristiche geochimiche uniche, che abbiamo appena iniziato a studiare". Hanno osservato infatti che "circa il 90% dei fondali oceanici deve ancora essere esplorato e potrebbe nascondere molti tesori".


La nuova corrente idrotermale Jaich Maa (fonte: Schmidt Ocean Institute)

Da questa prima campagna di osservazioni del nuovo habitat i ricercatori hanno portato in superficie molti campioni. Una delle prossime tappe sarà l'analisi del Dna di questi nuovi organismi per una "migliore classificazione nell'albero della vita", hanno detto, e ipotizzano che miliardi di anni fa sorgenti idrotermali simili siano state tra le prime culle della vita sulla Terra.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA