La cenere di un vulcano sulla battaglia di Waterloo

Dall'eruzione del Monte Tambora

Redazione ANSA

Le ceneri dell'eruzione del vulcano Tambora in Indonesia, cariche elettricamente, contribuirono indirettamente, nel 1815, alla sconfitta di Napoleone a Waterloo, un evento che ha cambiato il corso della storia in Europa. E' la conclusione di uno studio di Matthew Genge, dell'Imperial College di Londra, pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Geology.

La ricerca prende le mosse da quanto è accertato dalla storiografia riguardo alle condizioni meteorologiche, segnate da pioggia e fango, che aiutarono gli eserciti alleati inglese e prussiano a sconfiggere l'imperatore francese nel giugno di quell'anno. Due mesi prima di quella battaglia, in aprile, si verificò l'effusione vulcanica più distruttiva e potente di sempre. Morirono subito 12.000 persone e ci furono almeno 80.000 vittime per le carestie che seguirono.


Fonte: Imperial College London


L'eruzione provocò un cambiamento climatico a livello planetario. La scoperta di Genge è che le ceneri fuoruscite dai vulcani, cariche elettricamente, possono creare un corto circuito nell'elettricità della ionosfera, lo strato più alto dell'atmosfera, responsabile della formazione dell e nuvole. Lo studioso suggerisce quindi che anche l'emissione del Tambora provocò la formazione di nuvole che portarono piogge intense in Europa e queste ultime causarono la sconfitta di Napoleone.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: