Scoperti i più antichi fossili di mammifero

Sono denti vecchi di 145 milioni di anni

Redazione ANSA

Rinvenuti i fossili dei più antichi progenitori dei mammiferi: risalgono entrambi a 145 milioni di anni fa e appartengono alla stessa linea evolutiva che ha portato alla comparsa dell'uomo. I loro resti sono stati trovati in Gran Bretagna, lungo la Jurassic Coast del Dorset, sulla costa della Manica, e sono descritti sulla rivista Acta Palaeontologica Polonica.

Sono denti di due specie sconosciute, chiamate Durlstotherium newmani e Durlstodon ensomi, dal nome della baia di Durlston, e a studiarli è stato il gruppo di paleontologi dell'Università britannica di Portsmouth, coordinato da David Martill e Steve Sweetman.

A scoprirli, nel 2015, era stato uno studente universitario, Grant Smith: mentre preparava la tesi di laurea studiando alcune rocce del periodo Cretaceo, che va da 145 a 65 milioni di anni fa, si era accorto della presenza dei denti fossili. Li aveva quindi mostrati a Sweetman, che ne aveva intuito subito l'importanza: "sono rimasto a bocca aperta, erano denti mai osservati prima d'ora in questo tipo di rocce", ha detto.

L'analisi dei denti fossili ha indicato che appartenevano a piccoli roditori notturni che vivevano nascosti in tane all'ombra dei dinosauri, a quel tempo padroni della Terra. Dall'analisi dei denti è emerso che i primi mammiferi si nutrivano soprattutto di insetti e una delle due specie anche di piante. Il loro avanzato stato di deterioramento ha spinto gli studiosi a ritenere che questi progenitori dei mammiferi siano vissuti piuttosto a lungo. "Non è cosa da poco - ha concluso Per Sweetman - quando si condivide lo stesso habitat con i dinosauri".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA