I primi 'scatti' della Sentinella del pianeta

Fotografati Antartide, Namibia e Bruxelles

Redazione ANSA PARIGI

I ghiacciai della penisola antartica, un'inondazione in Namibia e Bruxelles: sono i soggetti delle prime immagini inviate a Terra da Sentinel 1, il primo satellite del programma di osservazione della Terra Copernicus, lanciato il 3 aprile e promosso da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea.

La prima immagine catturata dal satellite è stata quella di Bruxelles, in omaggio alla Commissione Ue, e risale al 12 aprile scorso. Queste prime immagini, rileva l'Esa, sono ancora sperimentali: possono essere considerate le prove generali prima che Sentinel 1 passi alla fase operativa con la sua ''vista radar'', in grado di osservare anche di notte e attraverso le nubi. ''Siamo davvero molto soddisfatti di queste prime immagini'', ha detto Volker Liebig, direttore delle attività di Osservazione della Terra dell'Esa.

La foto della Namibia indica un'inondazione dello Zambesi: un esempio, secondo Liebig, del tipo di supporto che il programma Copernicus sarà in grado di offrire nella gestione delle emergenze. Le immagini, rileva l'Esa, sono inoltre disponibili entro un'ora dalla loro ricezione a Terra.
Durante il passaggio sull'Antartide, Sentinel 1 ha fotografato il principale ghiacciaio del continente bianco, quello di Pine Island, e la parte settentrionale della Penisola antartica. Costruito in Italia, dalla Thales Alenia Space, il satellite ha inviato le immagini nel Centro Spaziale di Matera, dove la societa' e-Geos, (Telespazio-Asi) e nelle altre due stazioni di ricezione che si trovano in Norvegia, nelle isole Svalbard, e in Spagna, a Maspalomas.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA