'Training humans', i volti che classificano il mondo

La mostra delle foto utilizzate per 'addestrare' l'intelligenza artificiale

Redazione ANSA MILANO

 Concepita da un'esperta di apprendimento delle macchine, Kate Crawford, e da un artista, Trevor Paglen, apre all'Osservatorio della Fondazione Prada, a Milano, 'Training Humans', la prima grande mostra fotografica dedicata a immagini di training, vale a dire quei repertori di fotografie utilizzate dagli scienziati per insegnare ai sistemi di intelligenza artificiale (IA) come "vedere" e classificare il mondo.

Seguendo l'evoluzione delle collezioni di immagini di training dagli anni Sessanta a oggi, la ricerca evidenzia come soggetti pubblici e privati impiegano le immagini personali condivise online come materia prima per la classificazione e la sorveglianza degli individui grazie a tecnologie di intelligenza artificiale come il riconoscimento facciale e dell'andatura, la sorveglianza biometrica e anche la mappatura delle emozioni.

Aprendo le scatole nere dell'intelligenza artificiale, Crawford e Paglen mostrano come gli attuali strumenti sconfinino in pratiche di classificazione sociale, sorveglianza e segmentazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA