Genova, il crollo del Ponte Morandi simulato in 3D

Cinque ipotesi alla base del disastro

Redazione ANSA

Il crollo del Ponte Morandi di Genova è stato simulato in 3D, in un video della durata di 5,21 minuti sulla base del quale sono indicate diverse ipotesi sulle cause del disastro. Il video, diffuso su YouTube, è stato prodotto dello studio Kostack di Berlino, specializzato in grafica 3D.



Al fine di restringere il probabile scenario del collasso, la simulazione considera diversi punti da cui potrebbe essere iniziato il crollo e propone di conseguenza cinque ipotesi: la prima prende in considerazione il cedimento del tirante di Sudest e le altre il cedimento degli altri tiranti, di Nordest, Nordovest e Sudovest; la quinta, infine, il cedimento per sovraccarico.

La ricostruzione del ponte è stata possibile utilizzando il progetto originale e adattandolo in scala ridotta, mentre le ipotesi del crollo sono state avanzate analizzando le foto del ponte distrutto. Le caratteristiche dei cumuli di detriti, secondo lo studio Kostack, possono fornire infatti "un'indicazione su quanto è probabilmente accaduto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: