Aperta la strada agli hard disk del futuro

Grazie alla prima mappa in 3D degli atomi

Redazione ANSA

E' all'orizzonte una generazione di hard disk molto più potenti, con materiali più efficienti di quelli attuali, ottenuti modificandone le proprietà a livello atomico. E' possibile grazie all'esperimento che per la prima volta ha permesso di localizzare esattamente tutti e 23.000 gli atomi di un minuscolo frammento di materiale composto da ferro e platino. Pubblicata sulla rivista Nature e condotta con l'aiuto di uno dei microscopi elettronici più potenti del mondo, la ricerca ha ricostruito la mappa in 3D che indica l'ordine in cui gli atomi sono disposti e permette di misurarne le proprietà, a partire da modo in cui sono ordinati.

Coordinata dall'Università della California a Los Angeles (Ucla), la ricerca è stata condotta in collaborazione con il Lawrence Berkeley National Laboratory Dipartimento per l'Energia degli Stati Uniti, i laboratori di Oak Ridge e l'università britannica di Birmingham. Il microscopio utilizzato si chiama Team (Transmission Electron Aberration-Corrected Microscope) e si trova presso il Lawrence Berkeley National Laboratory.

Poter osservare la disposizione degli atomi con un dettaglio senza precedenti permette anche di manipolarli, modificando di conseguenza le proprietà di un materiale, in particolare quelle magnetiche. Si possono inoltre ottenere catalizzatori più potenti, materiali più robusti o ancora fabbricare minuscole etichette fluorescenti che aiutano a diagnosticare le malattie.

"La nostra ricerca costituisce un grande passo in questa direzione", ha osservato Mary Scott, che ha coordinato della ricerca, con Jianwei (John) Miao. "Adesso - ha aggiunto - siamo in grado di prendere un 'fermo-immagine' dell'insieme degli atomi in una nanoparticella". Il prossimo obiettivo dei ricercatori è ancora più ambizioso e punta ad allestire una banca dati delle mappe dei materiali a livello atomico, in modo simile a quanto fa la biologia con la mappa del materiale genetico. "I ricercatori - ha osservato Miao - potranno utilizzare questa banca dati per studiare le proprietà dei materiali al livello di un singolo atomo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA