L'ologramma di un buco nero

Grazie a fiocchi di grafene, erede di silicio e plastica

Redazione ANSA

L’ologramma di un buco nero è il primo test di una nuova applicazione del grafene, il materiale del futuro, erede di silicio e plastica, fatto da un unico strato di atomi di carbonio. Fiocchi di questo materiale, premiato nel 2010 con il Nobel per la Fisica, hanno ricreato la struttura spaziale e le proprietà dei buchi neri, cannibali cosmici che come delle aspirapolveri divorano tutto ciò che capiti loro a tiro, luce compresa. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Physical Review Letters dal gruppo internazionale coordinato da Anffany Chen, dell’Università canadese della Columbia Britannica, a Vancouver, insieme all’Università israeliana di Tel Aviv, al Centro di Fisica Teorica Rudolf Peierls di Oxford e al centro americano di ricerche di Microsoft.

I ricercatori hanno dimostrato dal punto di vista teorico che, applicando un campo magnetico a fiocchi di grafene, si riesce a ottenere un ologramma di un buco nero, ma su scala ridotta. Un ‘buco nero bonsai’, per poterne studiare le caratteristiche nel chiuso di un laboratorio. L’obiettivo è fare andare d’accordo le due principali teorie fisiche per descrivere la natura: la Relatività Generale di Einstein, che funziona su larga scala per descrivere l’universo, e la meccanica quantistica, che spiega il mondo su scala elementare, regno delle particelle.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA