Cancellata l’ipotesi della vita su Proxima b, sosia della Terra

A causa di una eruzione gigantesca sulla sua stella Proxima Centauri

Redazione ANSA

Un'eruzione gigantesca avvenuta nel marzo 2016 su Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, ha sconvolto l pianeta Proxima b, rendendo impossibile la sopravvivenza di eventuali forme di vita. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal Letters e coordinata dall'Università del Colorado a Boulder. Finora considerato un possibile sosia della Terra, Proxima b è un pianeta roccioso ma i dubbi sulla sua capacità di ospitare la vita sono stati finra molti a causa della vicinanza con la sua stella.

 "Un'eruzione simile nel Sole  non sarebbe stata devastante per la Terra", osserva Riccardo Claudi, dell'Osservatorio di Padova dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). "Quando si verificano questi fenomeni, da una stella si diramano particelle ad alta energia, i raggi cosmici solari, che possono erodere l'atmosfera del pianeta vicino. Nel caso del Sole la distanza della Terra e' abbastanza grande e ci mette al riparo, mentre nel caso di Proxima Centauri la distanza è minore e l'effetto è distruttivo". 


"D'altra parte - conclude il ricercatore - è questa minore distanza che rende possibili temperature adatte alla formazione di acqua liquida e di eventuali forme di vita. Questo perchè la stella di Proxima Centauri è una stella fredda, a differenza del Sole, e quindi la potenza che irradia è inferiore".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA