In un vulcano delle Hawaii come su Marte, conclusa la missione

Dopo 8 mesi di isolamento riemergono gli astronauti, festa con frutta e verdura fresche

Redazione ANSA

Dopo 8 mesi, riemerge dall'isolamento l'equipaggio che ha simulato l'esplorazione di Marte su un vulcano delle Hawaii. Al termine della missione, l'equipaggio formato da 4 uomini e 2 donne, ha festeggiato con un banchetto a base di frutta e verdura fresche, dopo aver mangiato per mesi cibi congelati e in scatola. La conferenza stampa davanti alla base a forma di cupola, è stata riportata da diversi media americani.

È la quinta simulazione dell'esplorazione di Marte su un vulcano delle Hawaii, in un'ambiente arido molto simile a quello del pianeta rosso. Il progetto si chiama Hi-Seas (Hawaii Space Exploration Anatomy and Simulation) ed è condotto dall'università delle Hawaii a Manoa con il finanziato dalla Nasa.


(fonte: Università delle Hawaii)

L'obiettivo è comprendere meglio gli impatti psicologici di un viaggio spaziale a lungo termine, come quello di una missione per Marte. Le informazioni raccolte aiuteranno infatti la Nasa a selezionare gli astronauti con il giusto mix di tratti per meglio affrontare lo stress di un viaggio da due a tre anni per il pianeta rosso.

L'equipaggio era entrato nel simulatore ai piedi del vulcano Mauna Loa il 19 gennaio 2017. Durante gli 8 mesi nella 'base' i sei 'astronauti' hanno svolto tutte le attività previste in una eventuale missione sul pianeta rosso: prepararsi da mangiare con ingredienti a lunga conservazione, esercizio fisico, attività di ricerca, manutenzione delle apparecchiature. Il progetto ha simulato l'esplorazione di Marte in tutti i suoi aspetti, anche la comunicazione fra la base e il centro di controllo ha avuto 20 minuti di ritardo come quella che ci sarebbe fra Marte e Terra durante una eventuale missione. L'equipaggio ha raccolto anche campioni di suolo all'esterno della base, indossando le tute spaziali e spostandosi in gruppi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA