Il mega asteroide Florence è passato alla minima distanza dalla Terra

Alle 14.06 è passato a circa 7 milioni di chilometri dal nostro pianeta

Redazione ANSA

E' passato vicinissimo alla Terra l'asteroide 3122 Florence: alle 14,06 (ora italiana) alla distanza di circa 7 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Con un diametro di 4,3 chilometri è il più grande degli asteroidi vicini alla Terra che passa dal 1898 e la sua osservazione è alla portata anche di un binocolo. 

"La distanza del passaggio è di assoluta sicurezza: equivale a ben 18,4 volte la distanza della Luna" rileva l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope, che ha seguito il passaggio di Florence con una diretta web. Ci sono molti elementi, aggiunge, che rendono questo avvicinamento un appuntamento da non perdere: ''è il più grande della categoria degli asteroidi vicini alla Terra che si avvicina dal 1898'' ed è classificato anche nella categoria dei potenzialmente pericolosi, che comprende gli asteroidi del diametro superiore ai 100 metri che si avvicinano entro 7,5 milioni di chilometri dalla Terra''. 

E' il quarto più grande di questa categoria, dopo 53319 1999 JM8 (del diametro di circa 7 chilometri), 4183 Cuno (5,6 chilometri) e 3200 Phaethon (5,1 chilometri). Scoperto nel marzo del 1981 da Schelte ''Bobby'' Bus all'osservatorio Siding Spring in Australia, l'asteroide è stato chiamato così in onore di Florence Nightingale, la fondatrice dell'infermieristica moderna.

L'incontro relativamente vicino è stato una opportunità straordinaria per osservare questo corpo celeste con i radar, ''che permettono di ottenere dati accurati sulla forma e l'eventuale presenza di satelliti'', rileva Masi. Sono tantissimi i telescopi e i radar pronti a osservarlo durante l'avvicinamento, a partire dal Goldstone Solar System Radar, in California, che ha catturato le sue prime immagini nei giorni scorsi.

L'asteroide è ben visibile in questi giorni al massimo avvicinamento. Per osservarlo basta un binocolo di 50 millimetri di diametro.''E' possibile vederlo - spiega l'astrofisico - in direzione Sud tra le stelle dell'Acquario mentre, sfrecciando alla velocità relativa alla Terra di 13,5 chilometri al secondo, si dirige verso Nord, per attraversare le costellazioni di Delfino, Volpetta e Cigno''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA