Scoperti buchi neri che si nutrono di 'meduse' cosmiche

Sono galassie con lunghi tentacoli di gas

Redazione ANSA

Anche i buchi neri amano i 'piatti esotici': alcuni sono stati sorpresi a pasteggiare con i tentacoli di galassie 'medusa'. Li ha colti in flagrante il Very Large Telescope (Vlt) dell'Osservatorio europeo australe (Eso) in Cile, scoprendo così un meccanismo di alimentazione del tutto inedito. Lo descrive per la prima volta su Nature un gruppo internazionale di astronomi guidato da Bianca Poggianti dell'Osservatorio astronomico dell'Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) a Padova.

I ricercatori hanno preso in esame 94 galassie 'medusa', ovvero galassie che - trainate dalla gravità verso il centro del grande ammasso a cui appartengono - si lasciano alle spalle lunghi tentacoli di gas ionizzato, assumendo il tipico aspetto di una medusa. Fra queste, ne sono state scelte sette che presentavano i tentacoli più lunghi. Grazie allo spettrografo Muse montato sul telescopio Vlt, è stato possibile osservare che ben sei galassie su sette ospitano nel loro 'cuore' un nucleo galattico attivo, ovvero un buco nero supermassiccio che riluce nutrendosi del gas circostante.

Un risultato sorprendente, se si pensa che le galassie che ospitano al loro interno un nucleo attivo sono in media meno di una su dieci. La ragione va ricercata in quella sorta di vento contrario (detto 'ram pressure') che determina la formazione dei tantacoli: invece che sottrarre gas alla galassia togliendo nutrimento al buco nero, sembra nutrirlo aumentandone l'attività.

Questo risultato evidenzia un meccanismo finora sconosciuto di alimentazione dei buchi neri supermassicci. Un meccanismo che potrebbe contribuire a dare risposta a un problema annoso: perché, fra i buchi neri supermassicci presenti nel cuore di quasi tutte le galassie, sono pochi quelli attivi, quelli in grado di accrescere attorno a sé materia e splendere luminosi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA