Dragon agganciata con successo alla Stazione Spaziale

A manovrare il braccio robotico Paolo Nespoli e Jack Fischer (FOTO)

Redazione ANSA

La capsula Dragon, con il suo carico di rifornimenti e materiali scientifici, si è agganciata con successo alle 12.52 alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). A manovrare il braccio robotico Canaderm2 per agganciarla sono stati l'astronauta Paolo Nespoli, e il suo collega americano Jack Fischer. Lanciata il 14 agosto dalla base dell'Aviazione militare statunitense a Cape Canaveral con il razzo Falcon 9, Dragon è stata costruita per conto della Nasa dall'azienda privata Space X.

La capsula dovrebbe lasciare la Stazione Spaziale tra un mese circa. "Impacchettati" a bordo di Dragon ci sono i materiali per l'esperimento Perseo, messo a punto dall'Università di Pavia e Thales Alenia Space: una sorta di 'abito spaziale', una giacca che contiene acqua per proteggere gli astronauti dalle radiazioni cui sono esposti nei lunghi viaggi e, in futuro, su basi lunari o marziane. C'è anche Aramis, della Thales Alenia Space: un'app che usa la realtà aumentata per aiutare gli astronauti a organizzare il carico all'interno di un cargo. E' a bordo anche In-Situ, dell'università di Bologna, che misura dei biomarcatori dello stress e quattro esperimenti di biologia: Corm, dall'università di Firenze, che studia gli effetti della microgravità sulle cellule della retina; Nanoros, dell'Istituto Italiano di Tecnologia, studia stress ossidativo; Myogravity, dell'università 'G. d'Annunzio' di Pescara, studia gli effetti della microgravità sui muscoli; Serism, del Campus BioMedico di Roma, studia come la microgravità modifica il metabolismo delle ossa.






Dragon è partita il 14 agosto dalla base dell'Aeronautica militare statunitense a Cape Canaveral e trasporta sulla Stazione Spaziale, per conto della Nasa, rifornimenti, materiali per gli esperimenti scientifici e tanti gelati, attesi soprattutto dall'americana Peggy Whitson, che si trova a bordo dal novembre scorso. Paolo Nespoli è anche in attesa de materiale destinato a 7 degli 11 esperimenti della missione Vita, dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi). "Impacchettati" a bordo della capsula Dragon ci sono i materiali per gli esperimenti Perseo, Aramis e In-Situ, accanto ai quattro esperimenti di biologia: Corm, Nanoros, Myogravity e Serism. Si tratta della terza missione di rifornimento dell'anno per Dragon, che dovrebbe lasciare la Stazione Spaziale tra un mese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA