La sonda Cassini comincia i tuffi tra gli anelli di Saturno FOTO

Le prime immagini nell'atmosfera di Saturno, mai stata vista così da vicino

Redazione ANSA

E' cominciata il 26 aprile la spettacolare serie di tuffi della sonda Cassini negli anelli di Saturno per scoprirne i segreti più reconditi, prima di tutto l'età. Saranno quattro mesi di dati e immagini mai visti, prima del gran finale della missione, previsto il 15 settembre con la discesa nell'atmosfera del pianeta. A questa fase spettacolare della missione, nata dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). 

Sono intanto arrivate oggi le prime immagini ravvicinate dell’atmosfera di Saturno: sono state scattate dalla sonda Cassini durante il primo dei 22 tuffi negli anelli più interni del pianeta. Nelle immagini mozzafiato si vedono in primo piano nubi e un vortice nell'atmosfera. La Nasa ha diffuso le immagini ancora 'grezze' cioè non elaborate a circa 24 ore dal primo dei 22 tuffi negli anelli più interni e nello spazio che li separa da Saturno, che la sonda farà nei prossimi 4 mesi, prima del gran finale di settembre. Come mostrano queste immagini saranno dati e immagini mai visti.


Le prime immagini dell'atmosfera di Saturno (fonte: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute)



Le prime immagini dell'atmosfera di Saturno (fonte: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute)

Doodle di Google per la Sonda Cassini arrivata agli anelli Saturno

''Abbiamo raggiunto la fase finale di questa missione pioneristica, spingendo ancora una volta la sonda in una regione inesplorata'', ha rilevato Nicolas Altobelli, dell'Esa, che lavora alla missione Cassini. ''Non vediamo l'ora di vedere il flusso di nuovi emozionanti dati che Cassini invierà nei prossimi mesi'', ha aggiunto. Italiana (Asi), Google ha dedicato il Doodle.

IL VIDEO DELLA NASA CHE ANNUNCIA IL GRAN FINALE - DA YOUTUBE



La sonda si è immensa nella sua traiettoria finale dopo essersi avvicinata alla più grande luna di Saturno, Titano, il 22 aprile. Quel passaggio ravvicinato è stato anche l'ultimo 'saluto' a questa luna, che Cassini ha sorvolato ben 127 volte, e durante il quale ha fotografato per l'ultima volta i mari e i laghi di idrocarburi, scoperti proprio da questa missione.

Mezzo secolo fa l'Italia lanciava il satellite San Marco 2

Durante la traiettoria finale Cassini si immergerà per ben 22 volte negli anelli più interni e nella regione compresa tra questi e Saturno. I dati aiuteranno a comprendere come si è formato Saturno e a calcolare massa ed età degli anelli, per verificare se siano nati con il pianeta o dopo, da una sua luna andata in frammenti.



Durante l'avvicinamento a Saturno, Cassini misurerà anche il campo gravitazionale del pianeta e raccoglierà dati sulla sua atmosfera. La sonda continuerà a inviare informazioni a Terra fino al 15 settembre, quando scenderà nell'atmosfera del pianet, con un finale spettacolare che segnerà la conclusione di una lunga serie di grandi successi scientifici.

La Cina tratta con l'Esa una collaborazione per una base lunare

Lanciata nel 1997, la missione Cassini, è stata una delle più significative nella storia dell'esplorazione del Sistema Solare. Tra i suoi risultati storici basta ricordare la discesa sulla superficie di Titano da parte della sonda europea Huygens,e la scoperta dell'oceano nascosto sotto i ghiacci che rivestono un'altra luna di Saturno, Encelado, .

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA