Trappist-1, anni per arrivare come secoli sulla Terra

Battiston, vele solari promettenti ma non per gli astronauti

Redazione ANSA

Un ipotetico astronauta che attraversasse la nostra galassia su una fantascientifica astronave spinta da vele solari avrebbe la sensazione di aver viaggiato per 'appena' otto anni; nel frattempo, però, per la legge della relatività di Einstein, sulla Terra di anni ne sarebbero trascorsi 800. Questo è solo uno dei problemi in agguato nello studio delle tecnologie avveniristiche per viaggiare tra le stelle. "Ci sono idee tecnicamente concepibili, ma ancora tanto affascinanti quanto visionarie", ha detto il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Roberto Battiston.

Una di queste è la tecnologia delle vele solari alla base della Breakthrough Initiatives, il progetto che prevede di lanciare una flotta di vele solari per cercare forme di vita attorno alla stella più vicina, Proxima Centauri, distante quattro anni luce. Proposto dal miliardario russo Yuri Milner, il progetto è sostenuto dall'astrofisico Stephen Hawking. "Farsi spingere dalla luce è una tecnica concepibile - ha osservato Battiston - e usando una luce laser davvero molto intensa sarebbe possibile spingere delle speciali vele verso l'esterno del Sistema Solare. Ma per fare questo serve un quantità di energia altissima, pari a quella consumata dall'intera Europa, concentrata su un raggio laser enorme".

Le vele che la Breakthrough Initiatives intende inviare sul pianeta scoperto vicino a Proxima Centauri, Alpha Centauri, sono minuscole come 'francobolli' di silicio. Usare la stessa tecnica per spingere fuori dal Sistema Solare navette spaziali con uomini a bordo sarebbe un'altra cosa. "Le leggi della relatività di Einstein - ha osservato Battiston - ci dicono che il tempo che si vedrebbe scorrere viaggiando a una velocità pari a 0,95 volte quella della luce, ammesso che si ci riesca, permetterebbero di attraversare la galassia in 8 anni. Peccato che per chi resta sulla Terra di anni ne passerebbero 800. Anche se avessimo a disposizione un'energia spropositata non è pensabile attraversare la galassia perché questo ci separerebbe dal destino della Terra".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA