Un 'alieno' e 2 scienziati raccontano il fascino della fisica

Spettacolo 'Light Mystery' a Lecce

Redazione ANSA

Un 'alieno' e due scienziati per raccontare ai ragazzi, ma anche agli adulti, i segreti e il fascino della fisica: è lo spettacolo 'Light Mystery. Due scienziati, un alieno e mille luminosi misteri', il 14 giugno nel Teatro Romano di Lecce.
In scena uno strano scienziato si aggira in un mondo dominato da regole bizzarre, troppo lontane dalle eleganti leggi della fisica. Due professori di una scuola restia a cambiare, si incontrano-scontrano con lui in un divertente e a tratti surreale confronto su cosa significhi descrivere il mondo con gli occhi del fisico.

'Light Mystery' vede sulla scena tre 'ricercatori-attori' (Marina Carpineti, Marco Giliberti, Nicola Ludwig, con la regia di Emiliano Bronzino) che troveranno una strada comune solo abbandonando le loro certezze e accettando la sfida posta dai misteri che ci circondano. Un cammino di ricerca che accenderà una luce nella mente degli spettatori.

La luce si accende anche sul palco grazie a fasci laser, protagonista degli esperimenti dal vivo che mostrano come interagisce con la materia, ha spiegato uno degli organizzatori, Lorenzo Perrone, della sezione di Lecce dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) presso l'università del Salento.

L'evento è organizzato dal Dipartimento di Matematica e Fisica dell'Università del Salento, con il coordinamento di Perrone, Viviana Scherini e Andrea Ventura, e la segreteria organizzativa di Daniela Dell'Anna. Collaborano all'organizzazione, università di Milano, Infn, progetto Temi, assessorato allo Spettacolo del Comune di Lecce. L'obiettivo di eventi come questo, ha spiegato Ventura, è avvicinare i giovani alla scienza e mostrare come funzionano alcuni processi fisici in modo interattivo e divertente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA