Cira, riaccesa la galleria che simula il rientro in atmosfera

Serve a testare gli scudi termici dei veicoli spaziali

Redazione ANSA CAPUA

Si riaccende la 'galleria del plasma', del Centro Italiano di Ricerche Aerospaziale (Cira) a Capua (in provincia di Caserta), la più grande per testare gli scudi termici dei veicoli spaziali perché è in grado di riprodurre le critiche condizioni di rientro in atmosfera. Già nei prossimi mesi sono in programma test commissionati da Nasa, Agenzia Spaziale Cinese (Caaa) e Agenzia Spaziale Europea (Esa).

La galleria del Cira è l'unica, per esempio, sottolinea l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) che è azionista di maggioranza del Cira, in grado di riprodurre i flussi termici che investono i sistemi di protezione dei veicoli al rientro in atmosfera ed l’unica in grado di testare campioni sufficientemente grandi dei materiali destinati ai veicoli che andranno su Marte e torneranno sulla Terra.BR>
Lo Scirocco Plasma Wind Tunnel, prosegue l'Asi, è stato rimesso in funzione dopo un lungo periodo di manutenzione per aggiornare il 'cuore' dell'impianto: l'arco elettrico. Si tratta della parte dell'impianto in cui, utilizzando la potenza necessaria ad illuminare una città di 80.000 abitanti (70 megawatt), si genera un fulmine della durata di diversi minuti che permette di riscaldare l'aria fino a 10.000 gradi centigradi, riproducendo così le critiche condizioni cui sono sottoposti i materiali di protezione termica dei veicoli spaziali durante il rientro nell'atmosfera terrestre.BR>
''La galleria al vento al plasma del Cira è il più grande impianto al mondo per i test sugli scudi termici dei veicoli spaziali” ha osservato il presidente del Cira, Luigi Carrino. “E’ l’unica di queste dimensioni – ha aggiunto - che riesce a creare un flusso d'aria intorno allo scudo termico alle stesse velocità che si incontrano nel rientro in atmosfera, 14 volte la velocità del suono''. Da poco più di un anno, ha proseguito Carrino, in collaborazione con il ministero dell'Università e Ricerca (Miur), Asi e con l'appoggio dei Soci, è iniziato al Cira un riordino che ''sta dando i suoi effetti''.BR> Secondo Roberto Battiston, presidente dell'Asi, ''la riaccensione della galleria al plasma è un altro segnale che il Cira è tornato ad essere un punto di riferimento internazionale per la ricerca aerospaziale''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA