A scuola di 'pomodoro nero'

di Giulia Falleni, 13 anni, Pisa

Redazione ANSA

La classe 3D della scuola secondaria di primo grado “Renato Fucini” di Pisa ha partecipato al laboratorio “Web science journalist”, tenuto all’interno dell’Internet Festival 2013, manifestazione che mostra le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione come opportunità per divulgare idee, invenzioni, prodotti e servizi.

La classe, guidata da un giornalista del canale “Scienza e tecnica” dell’ANSA, ha potuto incontrare Silvia Gonzali, una ricercatrice dell’Istituto di “Scienze della Vita” della Scuola Superiore S. Anna, che ha illustrato i suoi studi sulle piante,ed in particolare sul pomodoro nero,il Sunblack, una varietà di pianta diversa da quelle che nascono in natura. Il pomodoro nero deve questa colorazione alla presenza di antociani nella buccia, sostanze antiossidanti,presenti anche nel vino rosso, utili alla salute umana.

Questa ricerca è iniziata tra il 2008-2009 ed è risultata molto importante perché questo tipo di pomodoro si è dimostrato più resistente alle malattie fungine e ,contenendo due tipi di antiossidanti, gli antociani e i carotenoidi, anche molto più nutriente.
Presto il Sunblack potrà vedersi sulle tavole degli Italiani.. Mentre la dottoressa illustrava questa interessante ricerca, gli studenti potevano navigare su internet per approfondire le informazioni, utilizzando dei computer messi a loro disposizione oppure connettendosi con i loro telefoni. In tal modo gli studenti potevano seguire un percorso virtuale che gli permetteva di capire di più quello che veniva detto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA