I cani moderni 'figli' dello stesso lupo preistorico

Addomesticato in Europa tra 40.000 e 20.000 anni fa

Redazione ANSA

I moderni cani domestici sono 'figli' dello stesso lupo preistorico, addomesticato in Europa tra i 20.000 e i 40.000 anni fa: a suggerire questa nuova ipotesi, smentendo quella delle due domesticazioni avvenute separatamente in Europa e Asia, è uno studio internazionale coordinato dalla Stony Brook University di New York e pubblicato su Nature Communications.

I ricercatori hanno analizzato il genoma antico estratto dai resti di due cani del Neolitico, vissuti 7.000 e 4.700 anni fa in Germania. Dal confronto con il Dna dei moderni cani domestici europei, è emerso che i due esemplari preistorici sono loro antenati, perchè condividono le stesse radici genetiche. "Questo - spiega il coordinatore dello studio, Krishna R. Veeramah - indica che durante il Neolitico non c'è stato alcun rimpiazzamento di massa" dei cani europei con quelli provenienti dall'Asia, "e che c'è stato un solo processo di domesticazione per i cani studiati attraverso i fossili dall'Età della pietra così come per quelli con cui conviviamo oggi".

I ricercatori hanno comunque rilevato una piccola eccezione a questa continuità genetica: analizzando il Dna del cane vissuto 4.700 anni fa è emerso un modesto apporto genetico da parte di cani provenienti dall'est, che probabilmente giunsero in Europa al seguito delle popolazioni di migranti arrivati dalle steppe all'inizio dell'Età del bronzo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA