Diavolo di una particella

Perché il bosone di Higgs cambierà la nostra vita

Redazione ANSA
'Diavolo di una particella', di Dario Menasce, (Hoepli, 182 pagine, 9,90 euro)  © Ansa

Una passeggiata nei meandri del Cern di Ginevra alla scoperta del grande acceleratore di particelle Lhc in compagnia di alcuni tra i fisici più famosi del passato, a partire dal grande Galileo Galilei: è un viaggio istruttivo e divertente quello che ci invita a fare il fisico Dario Menasce con il libro 'Diavolo di una particella. Perché il bosone di Higgs cambierà la nostra vita'' (Hoepli, 182 pagine, 9,90 euro).

Del resto Menasce conosce molto bene l'argomento di cui tratta: dopo aver collaborato per più di vent'anni al Fermilab di Chicago, da quasi una decina di anni sta lavorando all'esperimento Cms del Cern. Proprio per superare l'imbarazzo che lo coglie quando qualcuno gli pone la fatidica domanda 'che lavoro fai?', Menasce ha pensato di spiegare il mondo delle particelle anche a chi di fisica non sa nulla prendendo spunto dall'opera di Galileo 'Dialogo su i due massimi sistemi del mondo'.

Chi si aspetta un saggio noioso fatto di numeri e formule, rimarrà sorpreso da quello che assomiglia più ad un breve romanzo. Il viaggio all'interno del Cern nasce dalla curiosità di Stefano, il giovane nipote dell'autore che frequenta da poco la facoltà di ingegneria. La sua gita alla scoperta dei laboratori in compagnia dello zio si anima improvvisamente grazie ad una misteriosa macchina del tempo, che permette ai due di parlare con alcuni dei più grandi fisici della storia: da Galileo Galilei allo scopritore dei raggi cosmici Victor Franz Hess, fino all'esperto di meccanica quantistica Shrodinger e il padre delle nanotecnologie Feynman, entrambi Premi Nobel.
Insieme a loro viene ripercorsa il lungo cammino che ha portato alla scoperta del bosone di Higgs dando vita ad una moltitudine di nuove tecnologie (come Internet, la Tac e la risonanza magnetica) che hanno rivoluzionato la nostra vita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA