Equilibrio. Storia curiosa di un concetto fisico

I mille volti in cui si manifesta l'equilibrio

Redazione ANSA
Copertina del libro ''Equilibrio. Storia curiosa di un concetto fisico'', di Tommaso Castellani, Edizioni Dedalo,184 pagine, 15,00 euro)   © Ansa

Puo' essere stabile o instabile, dinamico, termico, finanche metastabile: le forme in cui l'equilibrio si manifesta possono essere moltissime e per scoprirne i mille volti Tommaso Castellani, fisico teorico e ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche dedica 'Equilibrio. Storia curiosa di un concetto fisico' (Edizioni Dedalo,184 pagine, 15,00 euro).

Equilibrio e' un concetto vasto e che puo' essere affrontato in matematica cosi' come in architettura o in biologia, Castellani lo affronta a tutto tondo, in un affascinante viaggio a partire dalla necessita' pratica di definire il tempo, avvertita gia' dai filosofi greci, fino al 'manifesto' per una nuova fisica lontana dall'equilibrio. Il testo ripercorre storicamente il concetto introdotto per la prima volta in maniera scientifica da Archimede, i successi della meccanica newtoniana e i sogni infranti, ma mai sopiti, della ricerca del moto perpetuo.

Proseguendo attraverso gli equilibri in biologia, nei rapporti tra specie negli ecosistemi, per poi affrontare gli aspetti del calore e dell'equilibrio termico, la ricerca dell'equilibrio giunge alla sua 'rottura': i sistemi caotici, complessi, metastabili, fino al 'problema' della vita e le reti neurali.

Castellani, che alla carriera di ricercatore affianca numerose attivita' di divulgazione scientifica, ripercorre quindi in maniera brillante le idee e alcuni dei protagonisti che hanno segnato la comprensione di quel che si cela dietro la semplice parola 'equilibrio'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA