Italia di notte, illuminata dal fulmine del supereroe ‘Thor’

Intanto festa per il primo mese di esperimenti missione Vita

Redazione ANSA

Dopo aver fotografato l'Italia di notte, illuminata dalle luci delle città e dal bagliore di un fulmine, AstroPaolo saluta il rientro a Terra della capsula Dragon e festeggia con un video il primo mese di esperimenti per la missione Vita.


''Notte stellata e poi il flash di un fulmine... Thor che arriva da Asgard o un semplice temporale?'': con questo messaggio Paolo Nespoli accompagna la foto dell'Italia di notte pubblicata su Twitter, nel quale a proposito del bagliore si riferisce, scherzando, a Thor, 'signore dei fulmini' e supereroe della Marvel.






Attraverso Twitter l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) saluta anche il rientro a Terra della capsula Dragon, costruita per conto della Nasa dall'azienda SpaceX, e invia la foto di quando l'ha sganciata con l'astronauta americano Randy 'Komrade' Bresnik. ''AstroKomrade e io - scrive nel tweet - abbiamo appena liberato Dragon! Ora è di ritorno sulla Terra con un sacco di esperimenti''. Intanto tra partenze e arrivi è già passato il primo mese di esperimenti della missione Vita dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e AstroPaolo festeggia con un video e con un tweet. ''1 mese di VITAmission: abbiamo fatto molta scienza, 3 amici sono partiti e 3 sono arrivati...Ma ci siamo divertiti'' riferendosi agli astronauti Peggy Whitson, Jack Fischer, della Nasa e Fyodor Yurchikhin, dell'agenzia spaziale russa Roscosmos, ritornati a Terra agli inizi di settembre e a Mark Vande Hei e Joe Acaba, della Nasa, e al russo Alexander Misurkin, arrivati a bordo il 13 settembre. Nel video, pubblicato su YouTube, Nespoli racconta la Stazione Spaziale e la sua esperienza personale: ''è incredibile il mio primo volo è stato a bordo dello Shuttle, quando la Stazione Spaziale era in costruzione. Il mio secondo è stato per una missione di 5-6 mesi. E ho la terza occasione di poter restare qui per altri 5 mesi circa''. Per AstroPaolo, anche la stazione orbitale ''è veramente incredibile'' perché è un posto dove si possono fare molti tipi di ricerche ''dalla biologia alla metallurgia'' e chiudendo con una capriola ringrazia l'Esa, l'Asi e le agenzie spaziali di tutto il mondo per averla costruita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA