• Rosasco a Festival Scienza: occhio a intelligenza artificiale
ANSAcom

Rosasco a Festival Scienza: occhio a intelligenza artificiale

No all'uso improprio come il controllo delle persone

GENOVA ANSAcom

Dalle prime macchine di Leonardo alle tecniche di machine learnig: sono gli ingredienti con cui si è aperto il Festival della Scienza di Genova. Sul palco, come primo ospite il ricercatore Lorenzo Rosasco. Con la sua lectio magistralis il docente universitario ha posto l'attenzione sull'intelligenza artificiale e soprattutto sulle tecniche di machine learning. "L'intelligenza artificiale è uno strumento potente - spiega - che può essere utilizzato anche impropriamente, come quello del controllo indiscriminato delle persone e deve essere evitato. Leonardo nei suoi studi utilizzava principalmente la meccanica, oggi si usa il computer e in particolar modo alcuni software che utilizzano i dati per imparare a fare le cose. Partendo dai dati la macchina è in grado di capire da sola".

Lorenzo Rosasco è fiducioso, e vede nell'università italiana un terreno fertile per sviluppare nuovi progetti. "L'Italia è come se avesse una risorsa illimitata di petrolio conclude - e quel petrolio sono i giovani e le loro competenze. E' una sfida, i fondi sono pressoché inesistenti ecco perché siamo in ritardo, ma nonostante la consapevolezza di essere in ritardo c'è ottimismo perché le risorse umane ci sono e sono piene di entusiasmo".

In collaborazione con:
Festival della Scienza

Archiviato in


Modifica consenso Cookie