I letti degli umani sono più sporchi di quelli degli scimpanzè

I nostri 'giacigli' sono in peggiori condizioni igieniche

Redazione ANSA ROMA

Il 35% dei batteri nei letti proviene proprio dal nostro corpo, e come se non bastasse lenzuola, coperte e materassi risultano più sporchi dei giacigli degli scimpanzé. E' uno dei risultati di uno studio della North Carolina State University che ha valutato la presenza di microbi e gli artropodi trovati nei letti degli alberi che gli scimpanzé fanno ogni notte.
    "Circa il 35% dei batteri presenti nei letti degli esseri umani proviene dal nostro stesso corpo, compresi i batteri fecali, orali e cutanei", spiega Megan Thoemmes, ricercatrice dell'ateneo Usa. Per completare lo studio i ricercatori sono andati in Tanzania dove hanno raccolto tamponi di 41 letti o nidi di scimpanzé. L'obiettivo era quello di testare la biodiversità microbica. Da questo lavoro è emerso che i letti degli scimpanzé avevano una biodiversità enormemente diversa da quella umana. I loro giacigli, infatti, avevano una maggiore diversità di microbi che però riflettevano gli ambienti arboricoli dove sono stati trovati. Ma, a differenza che nei letti degli esseri umani, hanno individuato una minore probabilità di ospitare batteri fecali, orali o cutanei. "Ci aspettavamo anche di vedere un numero significativo di parassiti di artropodi, ma non è stato così", commenta Thoemmes. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista scientifica Royal Society Open Science. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: