In Usa aspettativa vita cala per prima volta da 1993

Aumento cause morte,in particolare Alzheimer e incidenti neonati

Redazione ANSA

WASHINGTON - Per la prima volta in oltre 20 anni, l'aspettativa di vita in Usa e' calata nel 2015, un dato preoccupante legato ad una serie di problemi di salute in peggioramento. Secondo il National center for health statistic, quella degli uomini e' passata dai 76,5 anni del 2014 ai 76,3 dell'anno scorso, per le donne da 81,3 anni a 81,2. La media per uomini e donne e' invece scesa a 78,8 anni, 0,1 in meno rispetto all'anno precedente.

 

L'ultimo calo si era registrato nel 1993, con il picchio della crisi per l'Aids, quello precedente nel 1980, dopo una massiccia diffusione di influenza. Le cause sono da ricercare nell'aumento di otto delle dieci principali cause di morte: malattie cardiache (+0,9%), malattie croniche dell'apparato respiratorio (+2,7%), lesioni accidentali (6,7%), ictus (+35), diabete (+1,9%), malattie renali (+1,5%) e suicidio (+2,3%). Ma l'incremento piu' alto e' quello dell' Alzheimer (+15,7%), insieme a quello dei decessi dei bimbi con meno di un anno per lesioni non intenzionali, come soffocamento o strangolamento a letto. Preoccupante anche l'aumento delle malattie cardiache, cresciute 'solo' dello 0,9% ma che rappresentano gia' la prima causa di morte.

 

La seconda e' il cancro, ma in questo caso il dato e' consolante: -1,7%. Segno, secondo gli esperti, che forse il rapido sviluppo della ricerca, come pure le campagne di prevenzione, cominciano ad avere un impatto. "E' inusuale, non sappiamo cosa e' successo, il 2015 e' un anno differente da tutti gli altri. Sembrano esserci molte piu' morti che negli ultimi anni", ha commentato Jiaquin Xu, l'epidemiologo che ha guidato la ricerca. "Penso che dovremmo essere molto preoccupati", ha osservato l'economista Anne Case. Una preoccupazione condivisa da altri esperti, dato che negli altri Paesi occidentali non si registra un simile aumento della mortalita'. La cosa curiosa inoltre e' che l'aspettativa di vita non e' arretrata tra chi ha 65 anni ma nella fascia middle age o piu' giovane.

 

E che la mortalita' e' in crescita per donne e uomini bianchi e per gli uomini neri, ma e' stabile per le donne nere e per donne e uomini ispanici. Per aspettativa di vita gli Usa sono al 28/mo posto tra i 43 Paesi dell'Osce, secondo dati del 2014: poco dietro alla Repubblica Ceca, al Cile e al Costa Rica, e poco sopra la Turchia, la Polonia e l'Estonia. Il record mondiale spetta sempre al Giappone, con una media di 83,7 anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA