Ex specializzandi, lo Stato rimborsa il medico di Lampedusa

Pietro Bartolo, "spero che si arrivi ad accordo di transazione"

Redazione ANSA ROMA

Il medico di Lampedusa ed attuale eurodeputato Pietro Bartolo ha ottenuto il rimborso dallo Stato per non aver ricevuto l'adeguato trattamento economico come specializzando nel periodo tra l'82 ed il '91. Bartolo fa parte degli oltre 400 medici che negli ultimi mesi hanno avuto una sentenza favorevole e per i quali lo Stato è tenuto a versare la somma di 10 milioni di euro. "Spero che si arrivi a un accordo di transazione tra lo Stato e i ricorrenti, sia perché è giusto che i medici che non hanno avuto un adeguato trattamento economico ricevano quanto gli è dovuto, sia per scaricare lo stesso Stato da tutte queste spese", ha spiegato l'eurodeputato.
    "E' una battaglia del diritto che stiamo combattendo insieme ai medici specialisti che hanno subito una ingiustizia che i tribunali stanno già sanando e continueranno a farlo in tutti i gradi di giudizio", spiega Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, il network legale che ha rappresentato anche Bartolo. "Siamo da sempre convinti che l'accordo transattivo resti la soluzione migliore per chiudere una volta per tutte la vicenda - aggiunge - si dovrebbe tener conto che la transazione permetterebbe di risparmiare diversi miliardi di euro da reinvestire, magari, proprio nella Sanità". "L'attuale assetto del Parlamento Europeo - conclude - induce realmente a pensare che possa finalmente trovare uno sbocco la vertenza di quei medici a cui lo Stato italiano ha negato il trattamento economico previsto proprio dalle direttive Ue". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA