Medici lanciano l'allarme sui rifiuti a Roma, si rischia l'emergenza sanitaria

Ordine disponibile a incontrare l'Ama, no ai cumuli attorno a scuole e ospedali

Redazione ANSA ROMA

 Bisogna trovare una soluzione al più presto per il problema dei rifiuti di Roma, altrimenti "si rischia l'emergenza sanitaria". E' l'allarme lanciato dall'Ordine dei Medici di Roma e provincia, in una nota. "Il caos in cui versa l'Ama con le ennesime dimissioni dell'ennesimo Cda e la nomina di un nuovo responsabile preoccupa l'Ordine dei medici di Roma e provincia", affermano il presidente e il vicepresidente Antonio Magi e Pierluigi Bartoletti. Va evitato che "si creino cumuli di immondizia in ogni strada, nei pressi di scuole, ospedali, luoghi pubblici".

L'Ordine dei medici di Roma e provincia continua "a monitorare costantemente la situazione. La raccolta dei rifiuti nella Capitale d'Italia - proseguono il presidente e il vicepresidente Antonio Magi e Pierluigi Bartoletti - si regge, e male, su un fragilissimo equilibrio basato principalmente sulla buona volontà delle Regioni vicine ad accogliere, seppur a caro prezzo, i nostri residui. Non c'è spazio dunque per improvvisi blackout del ciclo di raccolta e smaltimento. Come Ordine dei Medici - proseguono - abbiamo e sentiamo il dovere di rivolgere un appello a tutti i soggetti che ne hanno la responsabilità affinché si siedano intorno a un tavolo e trovino una soluzione in breve tempo. L'Ordine è disponibile a fare la sua parte e incontrare i vertici dell'Ama. Occorre evitare che in breve tempo si creino nella Capitale d'Italia cumuli di immondizia in ogni strada, nei pressi di scuole, ospedali, luoghi pubblici e che un simile degrado diventi attrattivo per gli animali. Non c'è tempo da perdere" concludono Magi e Bartoletti.

Allarme anche dei presidi: "Come segnalato da molti presidi di Istituti comprensivi e scuole superiori romane, sia in zone centrali della città sia in periferia la situazione dei rifiuti abbandonati presso gli edifici scolastici o all'interno dei cortili sta aggravandosi di giorno in giorno", così in una nota l'Associazione nazionale presidi di Roma. "Qualora non venga preso in attenta considerazione organizzativa l'appello dei medici e delle scuole chiediamo che ogni Asl di zona si attivi per verificare lo stato igienico-ambientale ed eventualmente proceda alla richiesta di chiusura degli istituti".

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA