Per cure fuori regione italiani spostano 4,6 miliardi l'anno

'Le 3 regioni capofila dell'Autonomia incassano 88% dell'attivo'

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Per curarsi fuori regione gli italiani spostano 4,6 miliardi l'anno e il flusso di denaro segue la ben nota direzione, da Sud a Nord. A incassare l'88% del saldo attivo sono infatti le 3 regioni capofila dell'Autonomia differenziata, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. E' quanto emerge da un nuovo report della Fondazione Gimbe.
    Per le compensazioni finanziarie dovute a ricoveri, day hospital, specialistica ambulatoriale e farmaceutica, le Regioni hanno rendicontato 4.578,5 milioni nel solo 2017. Tra quelle con maggiore 'indice di fuga', il Lazio (13,2%) e la Campania (10,3%) che insieme contribuiscono a circa 1/4 della mobilità passiva. "La bozza del nuovo Patto per la Salute prevede misure per analizzare e ridurre il fenomeno - afferma Nino Cartabellotta, presidente Gimbe - ma difficilmente la fuga in avanti delle tre Regioni potrà ridurre l'impatto di un fenomeno dalle enormi implicazioni sanitarie, sociali, etiche ed economiche".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA