Grillo, ministero al lavoro su carenza di personale medico specialistico

Tra gli argomenti allo studio anche la governance farmaceutica

Redazione ANSA ROMA

 Ministero della Salute e Regioni lavoreranno su quattro temi principali, le carenze di personale medico specialistico, liste d'attesa, governance farmaceutica ed eliminazione delle diseguaglianze nell'accesso alla salute. Lo afferma un comunicato pubblicato al termine dell'incontro tra il ministro e la commissione Salute delle Regioni. "Un Servizio sanitario nazionale robusto e civile, che combatta le diseguaglianze tra le diverse aree del Paese, che non neghi i diritti costituzionalmente tutelati dei cittadini, è un segno irrinunciabile di civiltà e di crescita sociale - afferma Grillo -. Questo è l'impegno che mi assumo come ministro e questo chiedo alle Regioni e alle Province autonome, per affrontare con atti concreti e con un costante sforzo comune tutte le esigenze e i numerosi problemi che la Sanità pubblica e i cittadini hanno davanti". L'esito del confronto con tutti i rappresentanti delle Regioni e delle Province autonome, si legge nella nota, ha comportato l'individuazione di un metodo di lavoro che ci porterà fin dai prossimi giorni ad approfondire le quattro tematiche individuate. "Il ministero della Salute non sarà commissariato dal Mef - ha sottolineato Giulia Grillo -. Il mio impegno è di aumentare il Fondo sanitario nazionale per venire incontro alle esigenze delle Regioni e ai bisogni degli assistiti. E di farlo concretamente, senza con una mano prendere, e con l'altra togliere, come è avvenuto nella passata Legislatura. Ma senza erogazioni a pioggia, chiudendo realmente i rubinetti delle inefficienze e arrestando la spesa improduttiva e gli sprechi".

Contro liste attesa forse intervento su intramoenia
 Per risolvere il problema delle liste d'attesa "È ipotizzabile intervenire anche sull'intramoenia, non dico che lo faremo ma lo stiamo prendendo in considerazione". Lo ha affermato il ministro della Salute Giulia Grillo uscendo dall'incontro con la Commissione Salute della Conferenza delle Regioni. "Oggi abbiamo parlato soprattutto delle liste d'attesa - ha aggiunto il ministro - ma resta anche il tema dell'accesso alle informazioni, che vale soprattutto per i pazienti perché sono più fragili e ha bisogno di più attenzione e facilità di accesso alle informazioni. C'è un lavoro già iniziato sul piano nazionale delle liste d'attesa, l'ultimo risale al 2010, dovremo lavorare su questo importante tema. Sono sicuramente d'accordo sulla proposta di un nuovo patto per la salute, visto che il vecchio è scaduto". Un altro tema affrontato nella riunione è stato quello della governance farmaceutica. "Abbiamo parlato anche del payback, che è un tema che ci portiamo dal passato e che dobbiamo risolvere - ha spiegato Grillo -. Il tema del prezzo volume ci puó aiutare molto per governare la spesa per quei farmaci che hanno nuove indicazioni e che hanno un peso crescente per lo stato"

Grillo conferma critiche su Aifa, lavoro per trasparenza  "Confermo le critiche del passato sulla gestione dell'Aifa, non faccio un passo indietro su questo, mi sto muovendo affinché cambi registro ma sto lavorando a tutti i livelli, anche al Ministero, perché ci sia più trasparenza, spero di avere presto novità su questo", ha detto Giulia Grillo al termine dell'incontro con la commissione salute della conferenza delle Regioni.(

Il governo interverrà sul tema del Fondo Sanitario Nazionale "senza i giochetti dei vecchi governi". Ha affermato il ministro della Salute, Giulia Grillo, al termine dell'incontro con la Commissione Salute. "C'è il tema del finanziamento su cui questo governo ha assolutamente intenzione di intervenire ovviamente senza fare i giochetti dei governi della vecchia legislatura - ha precisato - che da un lato aumentavano di pochissimo il Fondo poi dall'altra parte inserivano degli articoli in legge di bilancio in cui toglievano fondi alle regioni per poi stabilire l'intesa su quale aspetto tagliare che poi era sempre sulla sanità. Quello che ho visto è una grande comunione di intenti a mantenere vivo un servizio sanitario pubblico efficiente, sicuramente ci sono margini di lotta ad aree di spreco e su un utilizzo non adeguato delle risorse". "Purtroppo - ha aggiunto Grillo - mi sto accorgendo che ci sono molte situazioni vecchie, siamo arrivati in un ministero con molte zavorre del passato, io metterò il massimo impegno per toglierle ai cittadini".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: